mercoledì , Settembre 22 2021

V Premio letterario nazionale “Arenella-Città di Palermo”

Palermo-Cult PensieroA Palermo nella splendida “Sala delle Lapidi” di Palazzo delle Aquile si è svolta la premiazione dei vincitori del Premio letterario nazionale “Arenella-Città di Palermo” 2014, organizzato dall’Associazione Palermo-Cult Pensiero, presidente dottore Francesco Anello. Il Premio, giunto alla sua quinta edizione, annovera in giuria prestigiose personalità come il professore Tommaso Romano, i professori Eliana Calandra, Rita Cedrini, Ciro Spataro e il presidente professore Salvatore Di Marco. Ha condotto magistralmente la cerimonia di premiazione Katiuska Falbo, con i piacevoli intermezzi musicali del quartetto di flauti Syrinx-Ensemble del Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo. Come ogni anno è stata ricordata una figura di rilievo nel panorama culturale nazionale, per questa V edizione, presenza centrale del premio è stato Salvatore Quasimodo. Il Premio Arenella-Città di Palermo è una bella opportunità per promuovere culturalmente il territorio ed elevare Palermo e le sue borgate a luoghi di cultura.
Per la silloge in lingua dialettale i finalisti sono i poeti:
Francesco Ferrante con “ ’Nto Jardinu di l’amuri”
Palma Mineo con “Dattuli”
Francesco Billeci con “I ginestri di Portella”
Si è classificato al primo posto, vincitore assoluto con la silloge in dialetto siciliano “Di mia a tia”, il dottore Pippo Pappalardo.
Finalisti per la silloge in lingua italiana sono i poeti:
Paolo Menon con “Balò Brulè”
Francesco Busalacchi con “I guardiani del si”
Emanuele Lanzetta con “Miele di mare”
Primo classificato, vincitore assoluto per la silloge in lingua italiana la poetessa Rossella Cerniglia con “Penelope e altre poesie”.
Versi dalle opere vincitrici sono stati letti dalla poetessa-attrice Francesca Guajana.
Durante l’evento culturale è stato assegnato il Premio Speciale “Alberto Prestigiacomo”alla dottoressa Maria Elena Volpes, soprintendente ai Beni Culturali e ambientali della regione Sicilia, al professore Giovanni Ruffino, presidente del Centro studi filologici e linguistici siciliani e al maestro Marco Betta, compositore apprezzato nel panorama musicale italiano.
Giuria: Dr.Nicola Romano (presidente) – Dr.Biagio Balistreri – Poetessa Daìta Martinez
Quarta edizione del Premio letterario “Arte d’amare”, realizzato e promosso dall’Associazione. Culturale “Palermo Cult Pensiero” con lo scopo di diffondere la Cultura attraverso l’arte della poesia.E’ un premio inserito nell’ambito della rassegna “Marenellarte” giunta alla nona edizione.
Sezione Poesia in dialetto
Menzione di merito a: Francesco Billeci, per la poesia “La stragi di lu pani”
Menzione di merito a: Maria Teresa Merenda, per la poesia “Amuri eternu”
Menzione di merito a: Giuseppe Pappalardo, per la poesia “Lampidusa
I° Classificata 1° Premio alla poesia «La me petra Camùti» di Emanuele Insinua
Sezione Poesia in lingua italiana
– Menzione di merito a: Santi Cardella, per la poesia “Domani”
– Menzione di merito a: Rosario D’Antoni, di Messina, per la poesia “Solitudine di chi non conta”
– Menzione di merito a: Mimma Raspanti, per la poesia “Ricerca”
I° Classificata 1° Premio alla poesia «Non sentire» di Palma Civello
Poeta Emilio Paolo Taormina: Premio Speciale ad una personalità che si è distinta per il suo impegno letterario e culturale

Check Also

Il cervello a riposo? Ottimizza le proprie prestazioni future

Quando siamo a riposo, ossia nel sonno o in assenza di compiti particolari, il nostro …