lunedì , Dicembre 6 2021

Sesto Slalom Città di Castelbuono

Giuseppe Castiglione (Ghipard Suzuki 1.0)Castelbuono – Il 6° Slalom Città di Castelbuono entra oggi nel vivo. Con le classiche verifiche tecniche e sportive riservate a concorrenti e vetture fissate nel pomeriggio all’ombra del maestoso castello dei Ventimiglia ha ufficialmente inizio un weekend dedicato ai motori quanto mai intenso e “propositivo”, per addetti ai lavori e per il numeroso pubblico che si immagina assiepato lungo il percorso di gara, nonostante le alte temperature previste. La competizione tra i birilli promossa come tradizione dal Team Palikè Palermo, in collaborazione con il Motor Sport Club Castelbuono ed il patrocinio della locale Amministrazione comunale in stretta partnership con l’Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo della Regione siciliana, sarà valevole quale quinto appuntamento con il Trofeo d’Italia centro sud per la specialità, nonché quale quinta prova della Coppa Csai 6a zona Slalom e come sesta tappa del Campionato siciliano Aci Csai di specialità (assumendo altresì la valenza di “prima riserva” del Campionato italiano Slalom).
Gli appassionati locali e siciliani di automobilismo potranno presiedere alle operazioni di “punzonatura” per il 6° Slalom Città di Castelbuono previste complessivamente oggi, sabato 5 luglio, dalle 15 alle 20, nella centralissima e suggestiva piazza Castello, il “cuore” pulsante del paese madonita. La competizione (alla quale è stata inoltre assegnata la validità quale prova del 3° Trofeo “Memorial Francesco Faraco”, promosso dalla scuderia Armanno Corse di Palermo) si svolgerà invece domani, domenica 6 luglio, lungo la strada statale 286, su una sezione della lunghezza di 3,480 km. Lo “start” (in programma alle 9) è localizzato all’altezza di contrada Fiumara, alle porte dell’abitato di Castelbuono, dal km 9+800, mentre l’arrivo è individuato nei pressi di via Mazzini, all’ingresso del paese, di fronte al locale Istituto agrario, ad un centinaio di metri dallo stadio comunale, in una zona facilmente raggiungibile da parte degli spettatori. Tre le manches cronometrate, anticipate dalla preventivata ricognizione ufficiale del percorso (a discrezione della direzione di gara, l’ennese Lucio Bonasera), chiuso al transito veicolare dalle autorità locali alle 7 di domani. Diciassette le postazioni di rallentamento per i concorrenti, con altrettante serie di birilli collocate in punti “cruciali” del percorso.
Intanto è stata sfiorata quota “cento” in sede ultima di iscrizioni. Saranno 99 i piloti attesi alle verifiche tecnico-sportive di oggi (lo scorso anno furono 98), a conferma di quanto lo Slalom Città di Castelbuono riesca a porre sempre un argine alla crisi economica, “marcando” anche quest’anno numeri da record. In extremis, al già ricco “roster” di piloti (vedremo realmente in azione sulle Madonie i migliori specialisti siciliani) si è aggiunto anche il catanese (di Adrano) Mimmo Polizzi, trionfatore nelle ultime tre edizioni della gara. Il portacolori della scuderia etnea Cubeda Corse proverà pertanto a calare il “poker”, qui a Castelbuono, al volante della scattante Elia Avrio ST09 Evo Suzuki sulla quale sono state apportate nelle ultime ore alcune migliorie tecniche. Polizzi condividerà quindi i favori del pronostico con i trapanesi Andrea Raiti (vincitore sulle Madonne nel 2010), su Osella PA 21S Honda schierata dalla Catania Corse ed Alberto Santoro (forte della sua leadership attuale nel campionato siciliano Aci Csai Slalom e lanciatissimo considerate anche le sue tre vittorie stagionali), alla guida della sua Radical SR4 Suzuki, schierata con i colori Armanno Corse, nonché con il palermitano Fabrizio Minì (vincitore domenica scorsa di un neonato slalom a Belmonte Mezzagno), a sua volta calato nell’abitacolo della consueta Radical Prosport Kawasaki “griffata” Catania Corse.
Nel ruolo di stimati “outsider” ecco al via i trapanesi Fabio Peraino (campione siciliano Slalom 2012, su Radical Prosport Suzuki, Catania Corse), Nicolò Incammisa (Radical SR4 Suzuki, Catania Corse), Giuseppe Castiglione (con la scattante monoposto Ghipard Suzuki 1.0 vincente di recente nella Coppa Città di Partanna), Totò Arresta (“figlio d’arte”, sul prototipo Vst Kawasaki iscritto da Giarre Corse) e Dino Blunda (nell’abitacolo della veloce monoposto Speads RM08 Suzuki).
Outsider di livello anche dal Catanese, con il rientrante giarrese Rosario Miano (Elia Avrio ST09 Suzuki, ancora per la Catania Corse), l’adranita Carmelo Leanza (sul prototipo autocostruito Ncl Suzuki, Piloti per passione) ed il belpassese Matteo D’Urso (al volante di un’ennesima Radical SR4 Suzuki, per i colori della Belpasso Corse). Un ruolo tra i “grandi” lo meritano comunque pure i messinesi Francesco Schillace, sul gradino più alto del podio a Sant’Angelo di Brolo poche settimane addietro, al volante della rinnovata Elia Avrio ST09 Evo Suzuki schierata dalla Tm Racing di Messina e Salvatore Bellini (originario di Montalbano Elicona) a sua volta recente vincitore di due mini cronoscalate ospiti vicino casa, al volante della Radical Prosport Suzuki della S.G.B. Rallye di San Piero Patti.
Nel corso della “due giorni” dedicata alla gara, il Team Palikè procederà intanto alla premiazione dei campioni assoluti e di gruppo vincitori nello Challenge Palikè 2013, disputato lo scorso anno. La cerimonia rimane fissata per domani, dalle 15.30, in piazza Castello, poco prima della premiazione ufficiale dello slalom di Castelbuono. Ad aggiudicarsi l’ambìto titolo regionale nella serie isolana (per il secondo anno consecutivo) è stato il catanese Giuseppe Faro, con la “piccola” Fiat Cinquecento Sporting di gruppo A. L’alfiere della scuderia Catania Corse ha preceduto con 87 punti gli altrettanto veloci nisseni (sono entrambi originari di San Cataldo) Maurizio Anzalone e Modesto Sollima, al secondo e terzo posto in classifica (pur disponendo ambedue di 83 punti), al volante della Renault Clio Rs K del Motor Team Nisseno e della Peugeot 205 Rallye con i colori della Catania Corse. Al quarto e quinto posto assoluti nello Challenge Palikè 2013 si sono piazzati inoltre il trapanese Nicolò Incammisa (Osella PA 21S Honda, Catania Corse, con 73 punti) ed il saccense Pierluigi Bono (Fiat 500, Catania Corse, 70 punti), “ex aequo” con l’agrigentino Michele Vella (su Peugeot 306 Rallye, per il Serradifalco Team Racing), piazzato sesto assoluto.
La premiazione ufficiale dello slalom, coordinata dal Team Palikè, nonché dal Motor Sport Club Castelbuono al completo, si terrà alle 16 (dopo l’apertura del parco chiuso, in via Mazzini, a 200 metri dallo striscione d’arrivo ed alla conclusione della premiazione dello Challenge Palikè 2013), ancora nella medievale piazza Castello. Altri particolari sul 6° Slalom Città di Castelbuono verranno intanto svelati a stampa ed autorità questa sera, sabato 5 luglio, nella citata piazza Castello, con una cerimonia prevista dalle 21. Nell’occasione, saranno allestiti stand dove sarà possibile assaporare i genuini prodotti tipici locali.

Check Also

Simulare il mondo quantistico dei laser con atomi ultrafreddi

Rivoluzionare l’utilizzo dei laser, rendendoli componenti chiave delle tecnologie quantistiche: dalla sensoristica alla comunicazione, fino …