sabato , Novembre 26 2022

Doppia prova per le vetture del Porsche Tribute ad Avola Antica e Val d’Anapo

Porsche Tribute NotoCatania. 30 gradi e un cielo terso e senza nuvole hanno dato il buongiorno ai 50 equipaggi del Raid dell’Etna – Porsche Tribute, che oggi hanno affrontato la seconda e la terza prova cronometrata in uno scenario totalmente diverso rispetto a quello dell’autodromo di Pergusa di ieri. In programma per la mattinata la famosa cronoscalata Avola-Avola Antica, bella e impegnativa (la prima edizione si svolse nel 1955), non solo perché in ripida salita e con prove concatenate a breve distanza le une dalle altre, ma soprattutto perché per il driver e per il navigatore deve essere stato difficilissimo restare concentrati e non soffermarsi a guardare il paesaggio incantevole che li circondava: il bianco candido della pietra del luogo, il verde ancora forte dell’erba sul ciglio della strada, le distese di ulivi, il ponte di Santa Chiara in direzione Noto.
La prova, molto tecnica, ha visto salire in testa alla classifica la coppia formata da Antonella Gamberini e Ornella Pietropaolo di Modena Historica su Porsche 356 B S90 Cabrio del 1962 che ieri erano in seconda posizione, seguiti da Michele Termini e Rosa Arcidiacono su Porsche 911 RSR. Si sono confermati in terza posizione Benedetto Palermo e Antonina Lo Faro su Porsche 911 Carrera 3200.
Al termine, i partecipanti hanno visitato il centro storico della barocca Noto, Patrimonio dell’Umanità Unesco, dove hanno posato ai piedi della cattedrale indossando la maglia ufficiale della manifestazione (la polo Tag Heuer). Il pranzo si è svolto presso il Borgo del Carato un’incantevole country resort a Solarino rimodernato e ristrutturato su un antico frantoio. Intervalli indispensabili per ricaricare le pile e affrontare la cronoscalata del pomeriggio la Val d’Anapo-Sortino, la cui prima edizione si svolse nel 1966.
Anche in questo caso si è trattato di prove di regolarità concatenate anche se la strada si presta benissimo per un rally con tratti lunghi che consentono forti accelerate.
I day time confermano dopo questa prova ancora la Gamberini e la Pietropaolo in prima posizione. Nessuno stravolgimento alla classifica conseguita sulla Avola-Avola antica.
Domani in programma l’ultima cronoscalata, la famosa Catania –Etna e una visita a Taormina prima di rientrare a Catania al Grand Hotel Baia Verde.

Check Also

Componenti degli oli essenziali contro il deterioramento dei libri

Il patrimonio archivistico e librario è spesso compromesso da processi di deterioramento dei materiali cartacei, …