giovedì , Gennaio 20 2022

Una domenica a Floriopoli per rivivere gli aspetti più belli della Targa Florio

Museo Naturale FloriopoliLa struttura di Floriopoli in territorio di Termini Imerese, alle porte di Cerda, ospiterà domenica 16 Novembre a partire dalle 9,00, l’evento “Profumi e Sapori della Targa…era il 1971”. La manifestazione organizzata dall’Associazione Targa Racing Club, in collaborazione con l’Automobile Club di Palermo e, il tre volte vincitore della Targa Florio Moderna Totò Riolo, intende presentare agli sportivi l’idea di come una delle strutture simbolo del motorsport internazionale, le Tribune ed i box di Floriopoli possa diventare. L’idea è quella di costituire un museo permanente, il “Floriopoli Museum”, in un luogo che è stato teatro di epiche sfide motociclistiche ed automobilistiche e calcato da migliaia di appassionati e renderlo così fruibile ai visitatori, grazie al progetto già in fase di realizzazione e grazie anche al supporto di aziende private che hanno dato il proprio contributo per il completamento della struttura. Gli appassionati di auto e moto d’epoca potranno presentarsi domenica 16 a partire dalle ore 9.00, e dopo la registrazione, potranno esporre le proprie auto e moto d’epoca al paddock Floriopoli.
“Abbiamo una risorsa importante come la Targa Florio – ha precisato il sindaco Totò Burrafato – che ancora oggi può essere un’opportunità di promozione del nostro territorio. Con questa consapevolezza condividiamo lo sforzo organizzativo che tenta di mettere insieme la corsa più antica del mondo con i profumi ed i sapori di questo territorio”.
Alle ore 11.00 prevista la passeggiata di precisione “Tribune-Cerda-Tribune”. Alle ore 15.00 dopo il pranzo nell’area museale, il professore Nino Vaccarella incontrerà gli sportivi per ripercorrere con loro i ricordi più belli della Targa Florio, con particolare riferimento al 1971, quando il “Preside Volante” guidò la splendida Alfa Romeo 33/3. Saranno esposti inoltre anche importanti cimeli della Targa Florio tra i quali le splendide Rapiditas, gli antichi libri illustrati di don Vincenzo Florio. Ma saranno proprio la rossa Alfa 33 di Nino Vaccarella e la Stenger BMW di Totò Riolo, le protagoniste indiscusse della giornata, con gli appassionati che avranno modo di vederle e fotografarle da vicino. “Avere a Floriopoli dopo oltre 40 anni l’Alfa 33 e Nino Vaccarella insieme sarà una occasione difficilmente ripetibile – spiega Nuccio Salemi organizzatore dell’evento – la Sicilia ha la fortuna di aver costruito questo gioiello che è un vero e proprio tempio della velocità su strada nonché uno dei più importanti altari delle competizioni a livello mondiale, ma non deve lasciarsi sfuggire l’occasione di custodirlo al meglio e rilanciarlo”.
“Lo scopo della giornata – aggiunge il talento madonita Totò Riolo – è quello di contribuire al rilancio di una struttura simbolo non solo dell’automobilismo internazionale, ma anche della identità stessa di noi siciliani. Stiamo tutti lavorando per il recupero e la valorizzazione di un luogo che lascia stupiti non solo gli appassionati di automobilismo ma anche passanti e turisti”. La manifestazione si chiuderà nel primo pomeriggio dopo lo scambio di riconoscimenti tra i partecipanti e l’intervento finale da parte del sindaco di Termini Imerese Salvatore Burrafato e del presidente dell’automobile Club Palermo Angelo Pizzuto.

Aurora Rainieri

Check Also

La misura 3D del mercurio gassoso

Il mercurio è riconosciuto dall’Organizzazione mondiale della sanità come un inquinante globale. Per questo il …