sabato , Agosto 20 2022

Presentato il “Ficarra Contemporary Divan”

canoilasFicarra (Me). Residenze con Hugo Canoilas e Lois Weinberger, due fra i più interessanti artisti contemporanei europei; due summer school con venti giovani artisti e studiosi provenienti da tutta Europa; due convegni sulle interazioni fra l’ambito artistico e il cibo. E ancora, una rassegna con eventi culturali per tutta l’estate, un documentario, due pubblicazioni, interventi nel tessuto urbano e una mostra finale.

C’è tutto questo in “Ficarra Contemporary Divan/Salotto del Contemporaneo”, il progetto promosso da “La Stanza della Seta – Museo Palazzo Milio” con il Comune di Ficarra e la direzione artistica di Mauro Cappotto, che per oltre tre mesi farà del paese nel cuore dei Nebrodi un punto di riferimento nell’ambito del sistema internazionale dell’arte contemporanea. Momento centrale del progetto – che ha come partner tecnico la Fondazione Brodbeck – sono le due residenze per la durata di 39 giorni ciascuna. La prima vede protagonista l’artista portoghese Hugo Canoilas e si svolgerà dal 15 giugno al 22 luglio 2015. Le seconda vede la presenza del maestro austriaco Lois Weinberger ed è in programma dal 23 luglio al 29 agosto. Ciascuna residenza è seguita da un curatore. Canoilas lavorerà, infatti, con Giovanni Iovane, Weinberger con Lorand Hegyi. I due artisti,  saranno ospiti d’eccellenza della vita cittadina: l’intero paese, come accade da tempo a Ficarra, sarà coinvolto nella realizzazione dei loro progetti, specificatamente ideati per il luogo e realizzati con maestranze e materiali locali. Parte delle opereda loro prodotte   andranno ad arricchire la collezione della Stanza della Seta, divenendo patrimonio del Comune di Ficarra.

logo ficarradivanLe Summer School, composte ciascuna da 10 giovani tra artisti e studiosi di varie provenienze e con percorsi differenti, si svolgeranno in stretta connessione con le residenze di Canoilas e Weinberger, seppure con attività, ricerche e produzioni indipendenti. Ciascuna Summer School, sotto la guida degli artisti e curatori “senior”, gode anche della presenza di un curatore junior, chiamato a coordinare il lavoro dei partecipanti. Si tratta di Francesco Lucifora e Vincenzo Estremo. Si terranno poi due convegni. Il primo, si intitola “Europa, una opportunità per lo sviluppo dei territori e la promozione delle eccellenze” e si svolgerà il 3 e 4 giugno, con inizio alle 17,30, a Palazzo Milio. Dopo l’introduzione del sindaco Basilio Ridolfo e del direttore artistico Mauro Cappotto, sono previsti gli interventi di Enrico Lupi, presidente nazionale dell’associazione Città dell’Olio e presidente di Re.C.O.Med (Rete città dell’olio del Mediterraneo); Pier Luigi Petrillo, professore associato di Diritto Comparato a Unitelma Sapienza e consigliere per Expo 2015 ed Unesco dei Ministri delle Politiche Agricole e dell’Ambiente; Gianfranco Passalacqua, coordinatore master in Diritto dell’ambiente presso l’Università La Sapienza di Roma, responsabile del modulo di Diritto agroalimentare ed agro ambientale; Antonio Cenini, dirigente della Presidenza del Consiglio dei Ministri, responsabile relazioni istituzionali Task Force Expo 2015 della Commissione Europea; Antonella Amorelli, AmorFood Sicilia; l’artista Luca Francesconi, e il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con delega agli Affari ed alle Politiche europee Sandro Gozi. Il convegno “Il Cuore” è in programma il 17 e 18 luglio e vedrà tra i partecipanti Massimo Bartolini, Mario Castoldi, Federico Ferrari, Giovanni Iovane, Ugo Volli. All’interno del corpo urbano di Ficarra saranno allestite 4 Vetrine: nella Pescheria, nel Vecchio Frantoio, a Palazzo Busacca e nell’ex ufficio di collocamento, che rappresenteranno un nuova dotazione per il paese: una mostra permanente ma rinnovabile.

Il 29 agosto a Ficarra sarà inaugurata una grande mostra finale, che sarà il frutto del lavoro svolto grazie alle Residenze di Hugo Canoilas e Lois Weinberger e delle Summer School messe in atto con i 20 giovani. La mostra si snoderà lungo tutto il tessuto cittadino, ma soprattutto intorno alle 4 Vetrine, e vedrà il suo fulcro nella Stanza della Seta, che per l’occasione si estenderà a tutte le sale di Palazzo Milio.

Check Also

Ma come fanno i bio-sensori? Ce lo dice Einstein

Capire come fa una molecola in un fluido biologico a raggiungere e interagire in pochi …