giovedì , Maggio 23 2024

I PANUZZI DI SAN GIUSEPPE

La festa di San Giuseppe in Sicilia è uno dei tanti appuntamenti fissi con la tradizione popolare.
Il 19 marzo, ricorrenza della festa del papà, nelle case dei devoti del Santo della provvidenza e dei poveri, vengono imbandite tavolate sulle quali vengono ostentati ricchi banchetti allo scopo di dar sostentamento ai bisognosi e ai meno fortunati!
Le tavolate si presentano sfarzose, talvolta persino illuminate, ricche non solo di cibo di vario genere, dalle pietanze salate a quelle dolci, ma apparecchiate con preziose tovaglie bianche di pizzo sulle quali vengono adagiati anche vasi con i fiori che danno visivamente l’idea di un vero e proprio altare ulteriormente impreziosito dalla presenza di immagini o quadri raffiguranti San Giuseppe o la Sacra Famiglia.
Moltissime famiglie collaborano insieme all’ allestimento di queste enormi tavolate avvalendosi della collaborazione di amici e non di rado del vicinato ,ciascuno mettendo a disposizione cio’ possiede per rendere il banchetto piu’ ricco possibile.
Il vero cuore pulsante di questi allestimenti sono i panuzzi di San Giuseppe, pane che viene realizzato in varie forme per richiamare gli elementi simbolici della sacralita’ cristiana ed è proprio per l’ occasione che abili mastri fornai nei loro forni si impegnano nella realizzazione dei panuzzi dolci che sono il simbolo d’ eccellenza di questa festa.
Ma anche noi se vogliamo possiamo con pochi e semplici ingredienti possiamo dedicarci alla preparazione casalinga di questo pane essendo una ricetta davvero facile e con l’ orgoglio finale di esserne stati i creatori.

INGREDIENTI:

• 1 kg farina
• 100 grammi strutto
• 1 cucchiaio di sale
• 1 cucchiaino di zucchero
• 1 bustina di lievito per pane o 1 cubetto di lievito di birra

PROCEDIMENTO:

Sciogliete la farina, lo strutto, il sale, lo zucchero e il lievito in mezzo bicchiere d’ acqua tiepida e continuate ad aggiungere acqua tiepida finchè non otterrete un impasto sodo.
Adesso con l’aiuto di formine, coltelli e semini di sesamo potete scolpire il pane e decorarlo a vostro piacimento.
Per applicare i semini consiglio di bagnare leggermente la superfice dove verranno messi.
Spennellate la superficie dei pani con l’uovo sbattuto e qualche goccia di limone per dare lucentezza.
Poi infornate a 220-250º C e sfornate il pane quando è ben dorato.
L’ideale consumazione del panuzzo è quando è ancora tiepido.

Oriella Romano

Check Also

Sfinciuni, scacciate

Sfinciuni, cudduruni, scacciate, ‘nfriulati, imbriulati, pitoni. Pizza rustica di vario tipo realizzata con una base …