sabato , Settembre 25 2021

Festa di San Giuseppe (19 marzo)

La Festa di San Giuseppe ad Enna è molto sentita ed entra nel vivo il 10 Marzo con l’inizio della Novena in onore del Santo Patriarca che viene celebrata, per tradizione, da un “Predicatore” esterno al Santuario che durante il periodo di festa viene addobbato con drappi di velluto rosso.

Ogni serata della Novena è solennizzata da una famiglia diversa in memoria di un proprio caro estinto, tranne la prima serata che è dedicata al Confrate della Confraternita di San Giuseppe, durante la quale si ha il rito del rinnovo delle promesse fatte il giorno della Professione alla Confraternita, mentre alla fine di ogni Messa viene recitata la Novena in onore del Santo Patriarca “San Giuseppe” e subito dopo viene impartita la Benedizione Solenne con Gesù Sacramentato.

Nella vigilia della Festa durante la Santa Messa viene celebrato il Rito della Professione dei nuovi Confrati che dopo aver svolto un periodo di due anni di praticantato alla Confraternita, si apprestano a diventare Confrati effettivi.

Il 19 Marzo, giorno della Festa, è annunciato dal suono delle campane a festa, sin dalle ore 7 del mattino fino alle ore 13 si susseguono della Sante Messe in cui vengono distribuiti i tradizionali “Panuzzi di San Giuseppi” benedetti. Nel pomeriggio intorno alle ore 18 dal Santuario quasi settantadue Confrati si apprestano ad uscire il Fercolo della Sacra Famiglia sulle spalle attraversando poi le vie della città fino al vecchio ospedale Umberto I° dove come da tradizione viene impartita la benedizione agli ammalati.

La Confraternita di San Giuseppe venne fondata nel 1539 nella piccola Chiesa di San Giuseppe sita al centro di Enna, della quale oggi rimangono i resti della facciata e del campanile.

  La Confraternita

La Confraternita iniziò la sua attività con profonda devozione al Santo Patriarca e negli anni successivi al 1820, la piccola Chiesa di San Giuseppe, per cause ignote, venne soppressa e attraverso un atto pubblico della Provincia di Caltanissetta venne affidata ad un privato che gestiva l’orfanotrofio di San Michele.

Nel 1900 un comitato di laici incominciò ad interessarsi della Chiesetta, ridotta in pessime condizioni, e della Festa di San Giuseppe, che nel frattempo, a causa della soppressione della Confraternita, aveva perso tutto il suo splendore.

Questo comitato era composto personalità vicine alla confraternita e furono i signori Maddalena, Guarasci, Cristadoro, Bonsignore, Palumbo, Di Stefano e Falautano.

Ma nonostante lo zelo e la voglia di ricominciare, i problemi non mancarono. Infatti a causa delle pessime condizioni della Chiesa di San Giuseppe, il comitato pensò di trasferirsi nella vicina Chiesa di San Benedetto, che però nel 1836 era stata sottoposta a sequestro insieme al Monastero a seguito delle leggi di soppressione dei beni ecclesiastici. Quindi tutto peggiorò inesorabilmente.

Ma nel 1920 dalla Congregazione della Carità, dal Parroco della parrocchia di San Giovanni, Padre Gloria, e dal Ciantro, Padre Termine, fu avanzata la richiesta di rilasciare libero il monastero e la Chiesa di San Benedetto. Con grandi difficoltà, solo all’inizio del XX secolo vennero restituiti a beneficio degli Enti Assistenziali, i quali, però, versavano in condizioni finanziarie precarie e dovettero cedere i beni agli Enti Pubblici, quali, l’Ospedale Civico e il Comune.

Pertanto il Comitato Civico chiese agli Enti interessati di poter traslare la Sacra Famiglia dalla Chiesetta di San Giuseppe alla Chiesa di San Benedetto.

Con l’autorizzazione degli Enti proprietari, grazie agli enormi sforzi del Comitato e attraverso la collaborazione della Cittadinanza, nel 1926, con l’approvazione della Diocesi di Piazza Armerina, la Sacra Famiglia fu traslata nella Chiesa di san Benedetto, che fu così riaperta al culto e successivamente fu eletta Santuario di San Giuseppe.

Dopo quasi 100 anni di buio, il 2 Maggio 1934 fu ricostituita ed approvata, da Mons. Sturzo della Cura Vescovile di Piazza Armerina, la Confraternita di San Giuseppe, su proposta di uno degli anziani del Comitato, il Signor Maddalena.

Nel 1960 però la Confraternita attraversò un altro periodo di estrema difficoltà, tanto da ricordare che il Fercolo della Sacra Famiglia veniva portato in Processione su un furgoncino, messo a disposizione dal Confrate Barone Carlo Rosso, a causa del numero insufficiente dei Confrati.

Con l’elezione del Rettore Emanuele Tornabene fu stilato un piano di lavoro innovativo sia per la Confraternita che per le Festività Religiose. Grazie all’opera svolta dal Rettore Tornabene il Fercolo fu nuovamente portato a spalla durante la Processione per le vie della Città.

Venne approntata una sede per la Confraternita all’interno dei locali del Monastero e costruito un nuovo Fercolo interpellando decoratori e scultori.

Il tutto è stato realizzato grazie alla collaborazione preziosa dei Padri Carmelitani.

 La Confraternita di San Giuseppe ha origini antichissime, infatti venne fondata nel 1539 nella piccola Chiesa di San Giuseppe sita al centro di Enna, della quale oggi rimangono i resti della facciata e del campanile.

Check Also

Enna. Il museo Varisano

Nel 1985, nel restaurato Palazzo Varisano, si è inaugurato il Museo Archeologico di Enna. Palazzo …