domenica , Aprile 18 2021

Targa Florio motociclistica 2014

Targa Florio motociclisticaParte Giovedì 3 Aprile per terminare Domenica 6 Aprile 2014, la prima edizione della manifestazione di regolarità mototuristica “TARGA FLORIO MOTOCICLISTICA” valida per il Campionato Italiano Gran Fondo F.M.I.. Quattro giorni di puro divertimento, di guida in sella alla propria due ruote, attraverso le bellezze della nostra isola, non dimenticando la “gara”. Una “gara” dal gusto ludico-paesaggistico-gastronomico, dove la vera competizione è quella tipica di chi ama viaggiare in sella a una due ruote. Una sfida giornaliera, dove non conta la velocità ma l’essere un vero viaggiatore, le caratteristiche necessarie sono:

resistenza alla fatica e nella regolarità del viaggio

capacità di “vedere” assorbire e in parte ricordare tutte le cose che s’incontrano

spirito di amicizia verso gli altri partecipanti che ci deve sempre distinguere

capacità di “mantenere” il gruppo in sicurezza

capacità di saper navigare il percorso e saper distribuire e razionalizzare al meglio le proprie energie psico-fisiche.

I veri MotoFlorio avranno a disposizione semplicemente un Road-Book, da utilizzare apprezzando quelle che sono le meraviglie degli itinerari mozzafiato presenti lungo il percorso. Lo spirito è quello tipico dell’amicizia fra gli amanti dei viaggi in moto, condividendo le iniziative che si troveranno lungo il percorso. La resistenza alla guida sarà un elemento importante, le tappe sono di circa 300 km al giorno, la media oraria da mantenere è quella classica delle gare di regolarità (da 30 a 39 km/h di media). Saranno effettuati controlli a timbro in maniera da far rispettare ai partecipanti le regole del percorso. Gli itinerari prevedono percorrenze su strade asfaltate che vanno dal mare alla montagna nei paesaggi tipici della Sicilia, in definitiva i più belli e tipici da fare in sella a una due ruote. La manifestazione è sviluppata con la collaborazione delle proloco dei paesi attraversati, di amici motociclisti anche di altri motoclub, che si attiveranno per far conoscere le bellezze locali e i sapori tipici della zona. Ai controlli a timbro a pranzo, saranno organizzati pranzi slow food, dove ovviamente saranno fatte degustare cibi particolari e tipici del territorio.

L’itinerario del percorso sarà comunicato la sera prima di ogni tappa (quattro tappe in tutto) con la consegna del Road Book giornaliero. Vari sono i premi di classe, con quello più ambito: la “TARGA FLORIO MOTOCICLISTICA 2014” che sarà assegnata al pilota più attento nel passare attraverso le strade indicate e rispettando i tempi di percorrenza con maggiore puntualità tra gli altri concorrenti.

Dal 1920 al 1929 il nome della celebre corsa automobilistica è stato legato anche alle due ruote. Campioni provenienti da tutta Europa si sono dati battaglia lungo le strade del circuito in eroiche sfide. Quando si parla di Targa Florio, si pensa immediatamente alle imprese compiute da arditi piloti di auto su un circuito a dir poco allucinante. Non tutti sanno che la Targa Florio si correva anche con le moto.

Siamo nel 1920 e per un periodo che va fino agli anni ’30 , motociclette di ogni marca e cilindrata si dettero battaglia lungo il massacrante circuito. Partendo da Cerda, dove si trovano le tribune, il circuito attraversava i paesi del comprensorio delle Madonie, in un continuo saliscendi. Si toccava Caltavuturo, Polizzi Generosa, Collesano, Campofelice per poi scendere sul livello del mare lungo il rettilifilo di Bonfornello. La Targa Motociclistica vide fra i suoi concorrenti grandi piloti di fama internazionale, ma anche svariati piloti privati che corsero con ardore e coraggio con mezzi che fino a qualche giorno prima della gara erano normalmente usati per diporto personale.

Inaugurata nel 1906 dall’industriale palermitano Vincenzo Florio, nel corso degli anni la gara assunse sempre maggiore prestigio. Piloti d’importanza internazionale come Varzi, Nuvolari, Moss ed Enzo Ferrari diedero lustro alla Targa Florio. Nei giorni della competizione motoristica, la Sicilia balzava alle cronache mondane che riferivano nel dettaglio le iniziative dell’alta borghesia italiana che identificava la manifestazione come un’occasione per farsi notare, sfoggiando un abbigliamento, realizzato da importanti sartorie, al quale era dedicato un concorso speciale che premiava il “look” migliore. Sono così le edizioni motociclistiche dal 1920 al 1929, con la partecipazione delle più importanti case dell’epoca quali BMW, Moto Guzzi e Harley-Davidson a darsi battaglia sulle impervie strade della catena montuosa delle Madonie. Non ci rimane altro che ripercorrere il tracciato per rivivere le imprese dei piloti nella storica competizione….. Il circuito delle Madonie ha più di mille curve per 152 chilometri (una “burrasca di curve” da togliere, al termine, il senso della stabilità).

La voglia di assaporare i vecchi tempi è forte e il sogno oggi diventa realtà… dal 3 al 6 Aprile 2014 seguiremo il percorso che si sviluppa lungo le arterie secondarie della Sicilia pittoresca, su strade che disegnano una lunga sinuosa striscia grigiastra lungo i costoni del brullo altipiano continuamente battuto dal vento. È su quelle strade che si sono battuti i pionieri, infagottati nei biancastri spolverini, simili a fantasmi, con grandi occhialoni bordati di gomma.

Questa è la rievocazione della Targa Florio Motociclistica: un giro proprio sulle strade percorse dagli equipaggi della Targa Florio, per rivivere le gesta dei piloti e visitare i luoghi di transito della gara storica….

Check Also

Mare caldo e anomalie atmosferiche favoriscono i tornado italiani

Pubblicato su Atmospheric Research un recente studio dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del …