domenica , Agosto 1 2021

ETNA, 17 MARZO 2014, ORE 12:00 GMT

ETNA 20140310Durante l’ultima settimana, è continuata l’attività persistente al Nuovo Cratere di Sud-Est (NSEC) iniziatasi la sera del 21 gennaio 2014, essendo caraterizzata da una modesta attività stromboliana all’interno della depressione craterica sommitale del NSEC; vedi foto a sinistra, ripresa dalla telecamera ad alta sensitività sulla Montagnola (EMOH)alle ore 04:17 GMT (=ore locali -1) del 17 marzo 2014. Questa attività è accompagnata raramente da piccole emissioni di scarse quantità di cenere diluita, e mostra minori fluttazioni nell’intensità dell’attività stromboliana, che si mantiene generalmente su un livello basso. Sta continuando anche l’emissione di lava dal basso fianco del cono del NSEC, nell’area della nicchia di distacco formatasi il 11 febbraio 2014. Nel corso dell’ultima settimana, si è ripetutamente attivata una bocca effusiva nell’alta parete della nicchia di distacco, alimentando piccoli flussi lavici diretti verso l’alta porzione della parete occidentale della Valle del Bove. Nei giorni 14-15 marzo 2014, un braccio lavico ha costeggiato la parte alta del campo lavico del 2008-2009, espandendosi verso nord-est, in direzione di Monte Simone, seguendo il percorso della colata lavica del 30-31 dicembre 2013. Questo flusso si è arrestato alla base della parete occidentale della Valle del Bove nei pressi di Monte Simone e non è più alimentato.

Per quanto riguarda l’instabilità del versante orientale del cono del NSEC, negli ultimi giorni sono stati alcuni piccoli crolli dalle pareti della nicchia di distacco del 11 febbraio 2014.

L’ampiezza media del tremore vulcanico non mostra significative variazioni.

INGV

Check Also

Ipotesi vulcanica per i ‘terreni caotici’ su Marte

I ‘terreni caotici’ sono aree della superficie di Marte caratterizzate da una complessa morfologia che …