mercoledì , Maggio 22 2024

ETNA, 3 APRILE 2014, ORE 13:00 GMT

etnaNella mattinata del 2 aprile 2014, ha ripreso una modesta attività stromboliana al Nuovo Cratere di Sud-Est (NSEC) dell’Etna, che si è lentamente intensificata in serata (vedi foto a sinistra, ripresa all’imbrunire del 2 aprile da Fiumefreddo, sul basso versante nord-orientale dell’Etna) per diminuire nuovamente nelle ore mattutine del 3 aprile. L’attività stromboliana al NSEC era cessata nella notte fra il 26 e il 27 marzo, mentre era continuata in maniera intermittente l’emissione di piccole colate di lava dalla base nord-orientale del cono del NSEC, che non hanno superato un centinaio di metri di lunghezza, rimanendo a monte della parete occidentale della Valle del Bove. L’ultima di queste piccole colate è stata emessa nella notte del 1-2 aprile, però in concomintanza con la ripresa dell’attività stromboliana del NSEC, l’attività effusiva è fortemente diminuita.

Durante la mattinata del 3 aprile sono inoltre stati osservati alcuni modesti crolli dal fianco orientale del cono del NSEC.

La ripresa dell’attività stromboliana del 2 aprile è stata accompagnata da un leggero aumento dell’ampiezza del tremore vulcanico. Nel mattino del 3 aprile, l’ampiezza del tremore vulcanico ha mostrato una tendenza alla diminuzione, senza però rientrare nei livelli normali.

INGV

Check Also

La strategia di sopravvivenza dei coralli tropicali al clima che cambia

Studi condotti dal Consiglio nazionale delle ricerche su esemplari di coralli tropicali hanno permesso di …