venerdì , Ottobre 22 2021

La Coppa Nissena entra nel vivo con 154 partenti

Ivan Capelli Carlo AlessiCaltanissetta. Domani, sabato 3 maggio, dalle 9.30 si accenderanno i motori della 60^ Coppa Nissena. Infatti, scatterà la prima delle due salite di ricognizione della seconda prova del campionato Italiano Velocità Montagna sui 5.450 metri dello scorrevole e tecnico tracciato della corsa organizzata dall’Automobile Club Caltanissetta. Si tratterà di prove ufficiali ma senza nessuna classifica, poiché necessarie ai piloti per prender confidenza con il percorso di gara al volante delle auto da corsa e scegliere le regolazioni più efficaci. La seconda manche di prove sarà a seguire.

Domenica mattina la parola passerà definitivamente ai motori ed al cronometro a partire dalle 9.00 quando i direttori di Gara Claudio Di Maria e Marco Cascino daranno il via a gara 1, a cui seguirà gara 2. In zona arrivo presso il Villaggio Santa Barbara alle porte di Caltanissetta, si terrà la Cerimonia di premiazione.

Giornata odierna dedicata alle verifiche, ma anche alla presentazione stampa della competizione. Testimonial d’eccezione è il driver F. 1 e commentatore TV Ivan capelli, che domani, sabato 3 maggio, condurrà la tavola rotonda “La Sicurezza e i Giovani” prevista alle 10.30 in centro città al Teatro Bauffermont. Il commentatore RAI ha apprezzato molto l’abbraccio del pubblico nisseno ricevuto al suo arrivo. Durante la conferenza stampa Capelli ha sottolineato l’importanza della sicurezza nelle gare.

Testimonial della 60^ Coppa nissena ed intervenuto in conferenza stampa di presentazione il pilota di Formula 1 e commentatore del mondiale di Formula 1 per la Rai Ivan Capelli. “Sono onorato nell’essere successivo come partecipazione alla Coppa NIssena dopo il presidente della Fia Jean Todt ed il presidente Sticchi Damiani – ha dichiarato Capelli. Per quanto riguarda le gare in salita – continua – ho conosciuto anni fa una persona che ha fatto la storia delle gare in salita e cioè Mauro Nesti, che mi faceva sognare quando sfogliavo Auto Sprint. Per quanto attiene quello che ho visto oggi alle verifiche della Coppa Nissena ho apprezzato moltissimo la passione e l’ordine con cui tanti giovani piloti ed appassionati di automotive stavano in fila aspettando il proprio turno e guardando orgogliosamente le loro auto, talvolta dalle livree fantasiose e curate in maniera maniacale”. Il driver di Formula 1 che domani sarà testimonial della tavola rotonda su “Sicurezza Stradale e i giovani”, ha parlato del suo progetto che prevede l’adozione di un bracciale che riassume le informazioni mediche che prevede di azzerare la “golden hour” in caso di incidente e che viene già adottato da 5 campionati italiani della CSAI.

Il presidente dell’automobile Club Caltanissetta avvocato Carlo Alessi: “È una gara che organizziamo con grandi sacrifici considerando il fatto che negli anni è venuto a mancare il sostanzioso apporto degli enti rispetto al passato. Per questa edizione possiamo comunque contare tra gli altri sull’alto patrocinio dell’assemblea Regionale Siciliana grazie all’intervento del Vice Presidente Antonio Venturino. Nonostante il periodo non sia dei migliori per le economie del circus automobilistico, abbiamo numeri da record, abbiamo i migliori piloti della specialità che si sono mostrati particolarmente affezionati alla Coppa Nissena. Per queste ragioni cercheremo di finanziare la 61^ Edizione con una lotteria”.

Da 25 anni alla direzione della Coppa Nissena ancora Claudio Dimaria che ha dichiarato: “La sicurezza è nel DNA di questo comitato organizzatore, così predisponiamo al massimo misure attive e passive sulla strada per pubblico e piloti. Simone Faggioli che è l’orgoglio delle salite italiane ed europee e che è divenuto l’erede naturale di Mauro Nesti ha il piacere di venire alla Coppa Nissena perché si sente sicuro. Faccio come sempre le raccomandazioni al pubblico nisseno, sempre molto composto ed educato di seguire con attenzioni le indicazioni degli ufficiali di gara”.

Check Also

Sull’Etna dieci caprette sentinella con microchip e sensori: «Ci aiuteranno a prevedere le eruzioni»

Il progetto coordinato dal «Max Planck Institute» sul vulcano si basa sul «sesto senso» degli …