giovedì , Maggio 6 2021

جالية العالم العربي في إيطالي Comunità del Mondo arabo in Italia: siamo in lutto

جالية العالم العربي في إيطاليا

morti immigratiEcco le dichiarazioni e proposte negli ultimi giorni che sono fino adesso rimaste inascoltate in particolare le denunce che il numero dei morti degli immigrati nel mare e’ molto piu’ alto di quello che non veniamo a sapere come ci raccontano di continuo i pazienti immigrati sopravissuti anche delle violenze contro le donne e contro i bambini ,denuncia Foad Aodi Presidente Amsi e Co-mai e annuncia che, Siamo in Lutto.

Anche le parole di Papa Francesco sono rimaste inascoltate.

Da anni affermiamo che è importante trovare una soluzione per l’attuazione degli accordi internazionali e bilaterali riguardo all’immigrazione e coinvolgere tutti i paesi europei e i paesi confinanti con l’Italia, per non lasciarla da solo ad affrontare un’emergenza umanitaria e sanitaria grave come quella che stiamo affrontando da anni, che appare adesso senza una via d’uscita

“Sì all’operazione “Mare Nostrum” , No al “Mare Cimitero”. Siamo molto preoccupati e indignati in questi giorni per le notizie che leggiamo riguardo agli immigrati che arrivano in Italia” .”Siamo preoccupati per le condizioni degli immigrati e profughi che arrivano in questi giorni in Italia, in particolare bambini e donne in gravidanza – continua Aodi – ma anche molto indignati per i commenti e spot razzisti ,nei confronti degli immigrati, per fini politici ed elettorali, da parte di alcune forze politiche e i loro simpatizzanti.

Inoltre il presidente della co-mai Aodi chiede con fermezza che vengano liberate subito le ragazze sequestrate in Nigeria e non si puo’ utilizzare la religione e l’islam per fini personali ed in modo che non corrisponde al vero islam che e’ una religione di pace e dialogo e non di violenza e non costringe mai le persone a convertirsi in questo modo che e’ sicuramente da condannare .

Check Also

Luce e nanoparticelle per una catalisi ‘verde’

Uno studio condotto da Cnr, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Bologna e …