sabato , Agosto 20 2022

6 luglio: Santa Maria Goretti

Modestia e virtù son la ricchezza della gioventù
Maria (o Marietta, come la chiamavano familiarmente), terzogenita di sette figli, nasce il 16 ottobre 1890 a Corinaldo (AN) da Luigi Goretti ed Assunta Carlini: una famiglia di agricoltori. Il giorno successivo viene battezzata, con i nomi di Maria e Teresa, nella Chiesa di S. Francesco in Corinaldo. Per esigenze di lavoro, il 12 dicembre 1896, la famiglia Goretti lascia Corinaldo e si trasferisce a Colle Granturco, presso Paliano, alle dipendenze del Senatore Scelsi. Qui conoscono i Serenelli e rimangono in questi luoghi fino al febbraio 1899, quando nuovamente l’intera famiglia Goretti trasloca insieme ai Serenelli. Giunge a Ferriere di Conca, presso Nettuno, per lavorare i campi alle dipendenze del Conte Mazzoleni e dove si stabilisce definitivamente. Qui avvengono i fatti più dolorosi della vita di Marietta. Il 6 maggio 1900, all’età di 41 anni, muore il papà Luigi per malaria, essendo la zona paludosa. Qui avviene il mortale ferimento per opera di Alessandro Serenelli, un giovane, più grande della piccola Marietta, che si era invaghito di lei e cercava in tutti i modi di indurla al peccato, fino al giorno della brutale violenza del 5 luglio 1902. La tragedia si consuma in una situazione di grave povertà morale da parte dell’aggressore e di grande dignità spirituale ed etica non solo di Marietta, ma di tutta la famiglia Goretti. Mamma Assunta doveva pensare a portare avanti la famiglia, una volta che il marito era morto ed i bambini avevano bisogno del necessario. I problemi incominciano ad essere più grandi proprio in seguito alla morte di Luigi Goretti, il capo-famiglia. Senza la presenza di una persona adulta in casa, la famiglia Goretti era più a rischio. Ma i sani principi morali, la profonda fede che accompagnava l’esperienza di tutti i componenti della famiglia Goretti erano garanzie certe per andare avanti anche nelle difficoltà più gravi. Un esempio mirabile, in poche parole, di come conciliare l’educazione, la fede, il lavoro. Assunta Carlini, dopo la morte di Luigi, suo marito, prende in mano la situazione e coadiuvata dai figli, soprattutto da quella straordinaria creatura che è Marietta, porta avanti la famiglia in quelle “paludi pontine”, pericolose per le malattie. La solitudine delle famiglie, l’isolamento ambientale, il duro lavoro dei campi creavano le condizioni psicologiche perché qualche persona andasse di testa e non riuscisse più a dominare istinti e tendenze bestiali. Capitò proprio al giovane Alessandro Serenelli che coabitava a Cascina Antica con la famiglia Goretti ed aveva tutti gli accessi in casa per i buoni rapporti di vicinato e di collaborazione nel lavoro dei campi.
La fiducia di mamma Assunta non fu ripagata in modo retto ed onesto da parte del giovane, il quale, conto tenuto della situazione favorevole, pensò di poter approfittare sessualmente di una giovane e attraente ragazza, qual’era Marietta Goretti. Quando decise di attuare il piano non si attendeva il grande e coraggioso rifiuto della ragazzina. Da qui il gesto assassino di sferrare sul corpo puro e fragile di Marietta colpi micidiali, assassini, espressione di una furia diabolica, che non si poteva assolutamente preventivare. Per Marietta la corsa all’Ospedale di Nettuno nel tentativo estremo di poterla salvare: non fu possibile. Le ferite inferte dai 14 colpi di punteruolo erano profonde e mortali. Solo un giorno di agonia, ma prima di morire, nelle piene facoltà di intendere e di volere, con il sostegno della grazia divina, Marietta perdonò di cuore il suo assassino e promise che avrebbe pregato per lui dal Paradiso. Era il 6 luglio 1902 : aveva appena 11 anni, 7 mesi e 21 giorni. Il dopo di questa tragica vicenda di cronaca nera è ben conosciuto. Fu riportato non solo negli atti giudiziari, ma anche nella storia di questo luogo. Alessandro viene arrestato, processato e condannato all’ergastolo. Poi il pentimento, poi la grazia, ed infine una scelta di vita diversa, quella della consacrazione a Dio, col diventare frate. La vita di questa ragazzina, assunta inizialmente a fatto di cronaca nera, subito diventò oggetto di studio da un punto di vista di fede. Dopo la sepoltura nel cimitero di Nettuno, un continuo pellegrinaggio alla tomba della piccola martire incominciò ad avviare una profonda riflessione sul coraggio dimostrato da questa bambina in una situazione di grave imbarazzo. Molti incominciavano a vedere in questo gesto un atto eroico, e lo era, guidato dalla fede. Dopo 33 anni di attesa, di reperimento di testimonianze, comprese quelle della madre di Marietta e del suo assassino, il 31 maggio 1935 iniziò il processo informativo nella Diocesi di Albano. Maria Goretti, martire della purezza, fu beatificata il 27 aprile 1947 dal Venerabile Pio XII (Eugenio Pacelli, 1939-1958) e canonizzata, dallo stesso Papa, il 24 giugno 1950, in Piazza S. Pietro a Roma, davanti alla madre, ai fratelli, a migliaia di suoi devoti. C’era anche Alessandro Serenelli che, uscito di prigione dopo 27 anni di carcere, aveva chiesto perdono in ginocchio alla madre di Maria Goretti e, poi, si era ritirato nel convento dei Padri Cappuccini di Macerata dove visse fino al 16 maggio 1970 (aveva 88 anni).

Oggi si celebrano anche:
S. Ciriaca venerata a Tropea in Calabria, martire († 303)
S. Romolo di Fiesole (IV sec.), Diacono e martire
S. Goar (VI sec.), Sacerdote
S. Giusto di Condat, monaco († sec. inc.)
B. Tommaso Alfield, Presbitero e martire († 1585)
B. Agostino Giuseppe (Elia) Desgardin (1750-1794), Monaco cistercense e martire
B. Susanna Agata (Maria Rosa) de Loye (1741-1794), Vergine e martire
S. Pietro Wang Zuolong, Martire in Cina († 1900)
B. Maria Teresa Ledochowska (1863-1922), Vergine
B. Nazaria Ignacia de Santa Teresa de Jesús March Mesa (1889-1943), vergine

************************************************
Jesus Christus, heri et hodie, ipse est in saecula!

^^^
1610, Galileo scopre gli anelli di Saturno. L’anno 1610 prosegue con altre osservazioni di Galileo, che a luglio scopre gli anelli di Saturno, da lui interpretati come “due stelle compagne” o come “orecchie”. Che si tratti di formazione ad anello sarà scoperto da Huygens nel 1655

compleanni
1921 Nancy Reagan
1946 Sylvester Stallone
1950 Gabriele Albertini
proverbio
Chi si trova in libertà ha gran bene e non lo sa

accadde oggi
1885 Louis Pasteur testa con successo il vaccino antirabbia
consiglio per terrazzo orto e giardino
Cimare e seminare le erbacee perenni
Le specie che sono in fioritura o quelle che la daranno in autunno vanno cimate, in molti casi anche abbondantemente, per favorire nel primo caso il rinnovo delle gemme e per ottenere nel secondo cespi compatti con fusti robusti.

frase celebre
“È la cenere dei morti che creò la patria”
Lamartine

consiglio
Microonde
Per deodorare il forno a microonde, appoggiate qualche fettina di limone sul piatto di vetro e fatela cuocere per qualche minuto

cosa vuol dire
Portare scalogna
Portare sfortuna, disgrazia
La frase viene fatta risalire alla cipolla e alla scalogna. Erano il sostentamento dei meno abbienti e quindi erano anche sinonimo di miseria e povertà.

Check Also

29 luglio: SS. Marta e Lazzaro di Betania

Non è povero chi ha quanto gli basta Marta di Betania (villaggio a circa 3 …