domenica , Maggio 19 2024

Agrigento. “Cantieri della Fantasia” mostra collettiva – laboratorio d’arte: “La fabbrica delle forme”

Cantieri della FantasiaL’associazione culturale artistica “Cantieri della fantasia” è lieta di presentare, la mostra collettiva, come logica conclusione di un percorso laboratoriale che ha coinvolto grandi e piccoli in un atmosfera di assoluta creatività: un gruppo di nuovi artisti (bambini, adolescenti ed adulti) che hanno partecipato al laboratorio d’arte “La fabbrica delle forme” svoltosi nel mese di Luglio. Arte e riciclo è stato il tema dell’esperienza svolta
Ciascun artista ha creato infatti un’opera in cartapesta e seguendo un orientamento comune è riuscito a realizzare degli elaborati artistici inediti e rigorosamente personalizzati.
Carta, cartone, carta da giornale, vecchia carta da fotocopia insieme a colla e colori sono stati i materiali di scarto con cui loro si sono confrontati.
Il rifiuto in questo modo è stato visto, praticando l’esperienza artistica, come una risorsa preziosa.
Fare arte è stata, dunque, un’esperienza creativa ma anche un momento di riflessione nei confronti dell’ambiente.
Il percorso artistico è stato condotto dall’Arch. Linda Saporito e dall’artista Teresa Lonobile che hanno guidato i partecipanti alla sperimentazione di forme e colori.
Il laboratorio infatti si è posto come obiettivo lo sviluppo della creatività , della conoscenza e della sperimentazione artistica .
E’stato un luogo privilegiato del fare per capire e dove e si costruisce il sapere.
E´ stato anche un luogo di incontro educativo, formazione e collaborazione, uno spazio dove sviluppare la capacità di osservare con gli occhi e con le mani per imparare a guardare la realtà con tutti i sensi e conoscere di più, dove stimolare la creatività e il “pensiero progettuale creativo”
E’ stato un corso intensivo, di soli n. 4 incontri di 2 ore e 30minuti ciascuno dove ogni artista ha maturato la propria esperienza artistica in armonia e in competizione costruttiva
Obiettivi
“La fabbrica delle forme “è stato un percorso finalizzato alla costruzione di sculture utilizzando il cartone e altri materiali di riciclo. Il laboratorio ha messo in evidenza il problema ambientale , proponendo il rifiuto (carta, cartone) come risorsa e ha seguito contemporaneamente il metodo Bruno Munari sulla creatività :sperimentare, cercare e scoprire da soli, in modo autonomo; un metodo “in progress”, perchè ha voluto lasciare ampio spazio all’azione creativa.
Insegnare ai ragazzi ed adulti come si osserva e si costruisce un’opera.
L’arte visiva non va raccontata a parole, va sperimentata: le parole si dimenticano, l’esperienza no.
Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco, soleva ripetere l’artista, citando un antico proverbio cinese.
Nel Laboratorio “La fabbrica delle forme “, è stato sperimentato il passaggio dall’opera bidimensionale (disegno) a quella tridimensionale (scultura), sono state scoperte le qualità diverse dei materiali e le caratteristiche degli strumenti al fine di acquisire maggiore spirito critico e sensibilità nei confronti dell’arte.

Check Also

La strategia di sopravvivenza dei coralli tropicali al clima che cambia

Studi condotti dal Consiglio nazionale delle ricerche su esemplari di coralli tropicali hanno permesso di …