lunedì , Dicembre 5 2022

Salita dei Monti Iblei, prorogati i termini delle iscrizioni

Ignazio Cannavò (Lamborghini Gallardo GT)Chiaramonte Gulfi – Ad una settimana dall’accensione ufficiale dei motori, la notizia più ghiotta è relativa alla proroga dei termini delle iscrizioni alla corsa, concessa direttamente e proprio in queste ore da Aci Csai. Inizialmente, la scadenza delle adesioni in vista della 57a Salita dei Monti Iblei, in programma nel weekend tra venerdì 3 e domenica 5 ottobre a Chiaramonte Gulfi, città dell’olio nel cuore del Ragusano, era fissata per la mezzanotte di lunedì 29 settembre. I concorrenti avranno tuttavia adesso a propria disposizione almeno 24 ore in più di tempo per inoltrare la regolare richiesta di iscrizione agli organizzatori. Ciò per consentire una migliore pianificazione logistica, data la grandissima mole di consensi alla gara giunti sinora sia da tutta la Sicilia sia dalla vicina Calabria.
Un successo ampiamente prevedibile alla vigilia, vista la grandissima tradizione automobilistica di questa salita dal sapore “antico” e l’amore autentico verso i motori che anima gli appassionati del Ragusano e quelli siciliani, più in generale. E’ ancora presto per avere un quadro dettagliato e definitivo degli iscritti alla cronoscalata, ma è possibile sin d’ora ‘azzardare’ dei pronostici, in assoluta libertà. Sarà presumibilmente un “poker” di specialisti a lottare per la vittoria assoluta, al culmine di questa 57a edizione della Monti Iblei. Due di loro non hanno mai vinto a Chiaramonte Gulfi, gli altri hanno invece già iscritto almeno una volta il loro nome nell’albo d’oro della corsa. Il catanese Domenico Cubeda ed il cosentino Domenico Scola sono coloro che nutrono forse più chance di successo sul selettivo nastro d’asfalto del Ragusano. Entrambi velocissimi e sostenuti da un pubblico caloroso, si presentano a Chiaramonte Gulfi al volante di altrettante rinnovate Osella PA 2000 Evo con propulsore Honda, quella del siciliano schierata dalla Cubeda Corse, la biposto “gemella” di Scola con le insegne della Jonia Corse Giarre. Domenico Cubeda, fresco vincitore della crono Svolte di Popoli, in Abruzzo, è alla ricerca della prima prestigiosa affermazione nella Monti Iblei, mentre Domenico Scola, ventiduenne “figlio e nipote d’arte”, punta decisamente al “bis”, dopo la sua prima ed unica vittoria (sino a questo momento), qui a Chiaramonte Gulfi, datata 2012 (a trent’anni esatti dal successo colto nella “classica” ragusana dal nonno, “don Mimì” Scola, tra i campioni assoluti dell’automobilismo nazionale). Scola mirerà inoltre a difendere il primato provvisorio nel Trofeo gruppo E2B per il Tivm Sud dagli attacchi presumibilmente portati proprio da Domenico Cubeda, che lo segue in classifica.
Altrettante ambizioni di successo nella Monti Iblei le nutrono tuttavia anche il marsalese Vincenzo Conticelli ed il comisano Gianni Cassibba, entrambi piloti troppo esperti per poter essere considerati dei semplici “rincalzi”. Conticelli, tra i protagonisti assoluti negli ultimi anni nel Civm, Campionato italiano velocità montagna, sarà nel Ragusano ancora al volante della potente Osella PA 30 Zytek “griffata” Catania Corse, che tante soddisfazioni gli ha dato ma che ben altre gioie avrebbe anche potuto assicurargli. Il pilota trapanese punterà a migliorare il suo terzo posto assoluto colto a Chiaramonte Gulfi nel 2010. Altro discorso per Gianni Cassibba, amatissimo pilota locale, vincitore per l’ultima volta nella “sua” Monti Iblei nell’ormai lontano 2005. Lo specialista di Comiso sarà ancora una volta tra i protagonisti per “saggiare” e magari provare a piazzare per la prima volta sul gradino più alto del podio la sua Clw Wolf GB08 Mugen vista e rivista oramai tante volte, nelle sue caratteristiche tecniche originarie.
Occhio però ai giovani ed immancabili “outsider”. Primo tra tutti il ventiseienne trapanese (originario di Buseto Palizzolo) Giuseppe Castiglione, autentico nome nuovo dell’automobilismo siciliano in questa stagione, dove ha saputo cogliere numerose vittorie, soprattutto tra gli Slalom, ma anche in altre cronoscalate titolate in Sicilia ed in Calabria. Castiglione, “figlio d’arte”, proverà ancora una volta a stupire gli addetti ai lavori nell’abitacolo della medesima Tatuus F. Master Honda con la quale l’ex “pistaiolo” siracusano Salvatore Tavano si aggiudicò l’allora Coppa Monti Iblei nel 2009 e nel 2010. Altro giovane “rampante” sicuramente protagonista a Chiaramonte Gulfi sarà l’altro marsalese Francesco Conticelli (figlio di Vincenzo), pilota di poche parole ma di molta sostanza tanto da imporsi due anni addietro nella speciale classifica del Campionato italiano riservata agli Under 25 nell’ambito del Civm, al quale prende parte ormai con grandi risultati da alcune stagioni. Conticelli jr. avrà a disposizione a Chiaramonte Gulfi la medesima Osella PA 21S Evo Honda con la quale occupa la quarta piazza provvisoria nel gruppo CN del Tivm Sud.
Sicura ammirazione pure per la splendida Lamborghini Gallardo GT affidata dalla Eurotech Engineering al pilota siracusano Ignazio Cannavò, abituale protagonista nel Tricolore della montagna ed attuale leader nel gruppo GT del Tivm sud, mentre sarà tra i sicuri partenti anche il forte catanese Salvo D’Amico, capofila provvisorio per il gruppo A, sempre nel Tivm Sud, al volante della sua ritrovata Renault Clio Rs Ragnotti con le tradizionali insegne della scuderia Etna. Da segnalare altresì il ritorno alle competizioni per il ragusano (nativo di Comiso) Francesco Corallo, alla guida della sua Osella PA 20S Bmw, mentre altre due biposto di casa Osella saranno portate in gara dall’altro marsalese Giuseppe Buscaino (nella versione PA21S Honda) e dal nisseno Santo Ferraro (con la PA 20S Bmw). Assente giustificato sarà invece il cosentino (di Castrovillari) Rosario Iaquinta, per una frattura rimediata alcuni giorni fa al piede destro. Grande fermento, infine, tra le Autostoriche (in onore delle quali è stata istituita una speciale Coppa Monti Iblei), tra cui spiccano la Bmw 320i del campano Francesco Avitabile, le due Porsche 911 dei palermitani Gianfabio Varsallona e Gaetano Gioè e la rara Renault Alpine A310 di proprietà del nisseno Angelo Contino.
Gianni Cassibba (Clw Wolf GB08 Mugen)“Incassato” il parere favorevole, sul collaudo del percorso, da parte dell’apposita Commissione provinciale della Prefettura di Ragusa, si guarda ora con crescente fiducia all’imminente svolgimento della kermesse motoristica, in programma nella ridente cittadina del Ragusano nella quale, secondo la millenaria tradizione gastronomica siciliana, si “magnifica il porco” e si produce un olio d’oliva “dop” dalle qualità organolettiche ben conosciute ed apprezzate su tutto il territorio nazionale. La 57a Salita dei Monti Iblei manterrà la pregevole validità per il Tivm Sud, il Trofeo italiano velocità montagna (categoria considerata “anticamera” del Tricolore), quale terz’ultima tappa della serie nazionale. La competizione assegnerà pure punti determinanti, a questo punto della stagione, per il Campionato automobilistico siciliano Aci Csai 2014.
Ad ‘oliare’ i delicati meccanismi tecnico-logistici della gara sarà il Team Palikè Palermo con al timone Annamaria Lanzarone, Nicola, Dario e Roberto Cirrito, cooperato in stretta sinergia sul territorio dalla neonata Associazione Pro Monti Iblei, presieduta dalla combattiva Elga Alescio, comitato che ha di fatto contribuito nei mesi scorsi a salvare la validità per il Tivm ed a porre le basi per la regolare disputa della Monti Iblei 014. Assai determinante, altresì, l’intervento concreto dell’Amministrazione comunale di Chiaramonte Gulfi, con in testa il sindaco Vito Fornaro, che ha concesso il proprio patrocinio alla cronoscalata ed assicurato un cospicuo sostegno economico alla stessa. Grande fermento anche tra tutte le altre forze politiche di ogni colore ed orientamento presenti nel consiglio comunale di Chiaramonte Gulfi, intenzionate a sostenere e difendere anch’esse con forza l’autorevole cronoscalata di casa. Rilevante, infine, l’azione di appoggio esercitata inoltre dalla Provincia regionale di Ragusa, ora Libero consorzio comunale.
Pressoché immutato il tradizionale e collaudato percorso di gara da 5,500 km (unica variante un allungamento di 100 metri, nei pressi della partenza). La Salita dei Monti Iblei numero cinquantasette, da effettuarsi nell’arco di due sessioni di gara, si disputerà sul selettivo tracciato articolato lungo una parte della strada provinciale 7, compresa tra i comuni di Comiso e di Chiaramonte Gulfi (con “intersezione” all’altezza della strada provinciale 108). Lo “start” è individuato nelle immediate adiacenze della zona artigianale del paese, in corrispondenza del km 8+500, mentre la bandiera a scacchi verrà sventolata in prossimità del centro abitato di Chiaramonte Gulfi, non lontano da via Togliatti, non prima che i concorrenti abbiano attraversato una parte della Circonvallazione, sulla strada provinciale 8. Il tracciato presenta un dislivello, inteso tra partenza ed arrivo, pari a 410 metri, con pendenza media calcolata al 6,68%. Autentica “icona” e simbolo della Monti Iblei sarà ancora una volta la grande edicola votiva ‘quadrifronte’ di contrada Quattro Cappelle, a poche centinaia di metri dall’ingresso della cittadina. La centralissima piazza Duomo, ‘salotto buono’della cittadina ragusana, ospiterà il parco chiuso a fine manifestazione, a due passi dal Municipio, ma proprio dinanzi la Basilica di Santa Maria La Nova, Chiesa madre di Chiaramonte Gulfi.
La 57a Salita dei Monti Iblei entrerà comunque già nel vivo venerdì 3 ottobre, con le rituali verifiche sportive (in programma dalle 11.00 alle 13.00, poi dalle 14.30 alle 19.30 nei suggestivi locali della Sala comunale polivalente “Leonardo Sciascia”, l’ex Chiesa di San Francesco, attigua al Municipio, in corso Umberto I) e quelle tecniche (a loro volta previste sempre venerdì 3 ottobre dalle 11.30 alle 13.30, nonché dalle 15 alle 20 nella centralissima e già citata piazza Duomo. Le prove ufficiali si terranno sabato 4 ottobre a partire dalle 9.30, mentre la prima tra le due manche in agenda scatterà sempre alle 9.30, ma di domenica 5 ottobre.
La chiusura del percorso al normale transito veicolare verrà applicata sabato 4 e domenica 5 ottobre, a partire dalle 7. La direzione di gara sarà affidata in questo caso all’esperto internazionale ennese Alessandro Battaglia. I concorrenti saranno infine premiati dagli organizzatori, subito a fine manifestazione, nella citata Sala comunale polivalente “Leonardo Sciascia”.

Check Also

Componenti degli oli essenziali contro il deterioramento dei libri

Il patrimonio archivistico e librario è spesso compromesso da processi di deterioramento dei materiali cartacei, …