lunedì , Agosto 15 2022

Novartis Biocamp Italia: l’esperienza di Claudio Costantino, dell’Università degli Studi di Palermo

Novartis Biocamp ItaliaPalermo – Prende il via la seconda edizione italiana del Novartis Biocamp, dedicata ai giovani talenti del nostro paese, che quest’anno si svolgerà in collaborazione con l’IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Milano.
Ideato sulla base dell’esperienza del Novartis International Biotechnology Leadership Camp, che si svolge ogni anno presso l’headquarters di Basilea, il workshop è riservato a 30 giovani talenti della ricerca, italiani e stranieri residenti in Italia, provenienti dalle facoltà scientifiche delle università del nostro paese.
Si svolgerà a Milano dal 15 al 17 dicembre. Il termine ultimo per inviare la propria candidatura è il 30 ottobre 2014.
“Partecipare al Novartis Biocamp è stata un’esperienza molto importante” commenta Claudio Costantino, dell’Università degli Studi di Palermo. “Collaborare ad un innovativo progetto in capo biomedico, toccando con mano la realtà dell’industria farmaceutica, è stata un’esperienza molto stimolante che consiglio ai giovani ricercatori”.
Durante il workshop c’è stato il giusto equilibrio tra teoria e pratica: il lavoro di gruppo in particolare mi ha permesso di collaborare e confrontarmi con gli altri partecipanti. E’ stata
Quest’anno, i giovani che vorranno proporre la propria candidatura dovranno affrontare una sfida in più, e rilevante, rispetto all’edizione precedente. Per candidarsi si dovrà infatti inviare, unitamente al curriculum accademico, un progetto di ricerca in ambito immunologico od oncologico, che sarà preso in esame da un comitato composto da esperti di Novartis e di Humanitas. Per ciascuna delle due aree di ricerca sarà selezionato, al termine del BioCamp, il partecipante ‘più meritevole’. Nella scelta si terrà conto, oltre che del cv e del progetto di ricerca, anche del contributo offerto nel corso della partecipazione al workshop, che sarà valutato da un’apposita giuria. Ai due vincitori, Novartis assicurerà il supporto finanziario per la partecipazione a un congresso internazionale e per una pubblicazione su un’importante rivista scientifica.
Per quanto riguarda gli altri requisiti, potranno candidarsi al Novartis BioCamp 2014 coloro che al 31 dicembre 2014 non abbiano ancora superato i 35 anni di età e che, laureati in biotecnologia, chimica e tecnologie farmaceutiche, medicina, farmacia, scienze biologiche, si trovino in una delle seguenti posizioni:
· stiano attualmente seguendo un programma di dottorato di ricerca
· abbiano conseguito un dottorato di ricerca da non più di 5 anni
· siano iscritti a una scuola di specialità/specializzazione.
I 30 giovani ricercatori selezionati avranno la possibilità di confrontarsi non solo con top manager internazionali di Novartis, tra i quali Guido Guidi, Head Pharma Region Europe, ma anche con esperti esterni di livello mondiale, come il Professor Alberto Mantovani, direttore scientifico IRCCS Istituto Clinico Humanitas.
Il programma del Novartis BioCamp 2014 ha lo scopo di mostrare il mondo della ricerca biomedica da diverse possibili angolazioni. Innanzitutto dalla prospettiva dell’industria farmaceutica e da quella degli Istituti di cura e ricerca, come Humanitas, da quest’anno sede anche di un’università indipendente. E poi da quelle di altri attori, come società scientifiche o istituzioni, a livello nazionale e locale.
Il concetto che unisce i vari punti di vista è quello della cooperazione. Tutti i relatori si presenteranno come parte integrante di un sistema dove ogni soggetto – l’industria, la start up, l’ospedale, l’università, le istituzioni – svolge un ruolo preciso ed esclusivo, ma collaborando con tutti gli altri. Solo attraverso la cooperazione tra tutti gli attori, nel pieno rispetto delle peculiarità di ciascuno, è possibile un reale avanzamento della ricerca biomedica nel nostro paese.
Non mancherà anche una parte dedicata alla creazione e gestione di start-up e alle modalità di finanziamento delle imprese biotech, attraverso l’esame di casi di successo. I partecipanti saranno chiamati a preparare, nel corso dei tre giorni di workshop, il progetto di una nuova impresa biotech, che presenteranno a una giuria composta da esperti Novartis e Humanitas. Un modo questo per avvicinare i giovani talenti alla dimensione imprenditoriale della ricerca e superare sempre di più gli steccati tra industria, accademia e finanza.
Per candidarsi, gli studenti interessati potranno scaricare il modulo d’iscrizione dal sito Novartis, all’indirizzo www.novartis.it/ricerca-scientifica/biocamp/iscrizione.shtml, corredandolo di progetto di ricerca e curriculum vitae; le candidature dovranno essere inviate via e-mail entro il 30 ottobre 2014 a: biocamp.italia@novartis.com. Ulteriori notizie sul BioCamp saranno disponibili su: www.facebook.com/NovartisBioCampItalia.

Check Also

Ma come fanno i bio-sensori? Ce lo dice Einstein

Capire come fa una molecola in un fluido biologico a raggiungere e interagire in pochi …