giovedì , Gennaio 20 2022

Trekking a Monte San Calogero e visita alla sagra della salsiccia di Caccamo

Sagra Salsiccia di CaccamoTrekking a Monte San Calogero e visita di Caccamo, tra panorami mozzafiato, odori, sapori e frammenti d’arte. Domenica 12 ottobre 2014
Programma
Appuntamento alle 9:30 all’ingresso di Caccamo nei pressi del bar “Kitipigghi”. Dopo il caffè di rito spostamento in località “Chiani” per iniziare la nostra escursione. Anticamente chiamato Eurako, il Monte San Calogero rappresenta ancora oggi una delle mete più ambite dell’escursionismo palermitano e non solo, grazie all’impareggiabile panorama che si può ammirare una volta raggiunta la sua cima. Tutta la meravigliosa costa che da Cefalù spazia fino a Capo Gallo e la catena dei monti di Calamigna cattureranno il nostro primo sguardo mentre alle nostre spalle, la valle del Torto ed il fiero profilo delle Madonie, reclameranno la medesima ammirazione. Completeranno il superbo scenario gli affascinanti orizzonti sicani! Vi racconteremo lassù di leggende che aleggiano intorno a queste alture… Dopo il pranzo al sacco sulla cima del Monte San Calogero, scenderemo lungo lo stesso percorso fatto all’andata. Ritorno a Caccamo per “vivere” la Sagra e le bellezze della cittadina medioevale: oltre le degustazioni saremo accompagnati dalla nostra guida Laura in un interessante trekking urbano lungo le vie del centro storico con la visita al maestoso Castello, al complesso monumentale del Duomo di S. Giorgio ed infine, alla splendida Chiesa di San Benedetto alla Badia per ammirare i pregevolissimi stucchi di scuola serpottiana ed il bellissimo pavimento in maiolica.
Info del trekking sul Monte San Calogero
Difficoltà: Facile* (Escursionistica), anche per bambini; Durata: 5 ore circa (comprese pause per visite e pranzo); Lunghezza percorso: km 8 circa, quota minima 830 m (località Chiani), quota massima 1326 m (vetta di Monte San Calogero); Dislivello: m. 490 circa; tipologia terreno: sterrate e sentieri con breve tratto tra roccette.
*Si sottolinea che la valutazione sulla difficoltà del percorso si riferisce ad una persona che possegga un minimo di allenamento legato all’attività escursionistica o in genere ad attività fisica.
Note di viaggio
Si consiglia di portare: macchina fotografica, abbigliamento adeguato da trekking, cappellino, zaino con scorta d’acqua, impermeabile per eventuale pioggia, bacchette. Si sottolinea che alcuni tratti del percorso si trovano in altura e quindi vi può essere vento o nebbia. Inoltre si consiglia di “dimenticare” il cellulare in auto: l’escursione vuole offrire ai partecipanti il lusso di essere irreperibili per alcune ore, cosa ormai impossibile nella vita quotidiana; il cellulare della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza.

Check Also

La misura 3D del mercurio gassoso

Il mercurio è riconosciuto dall’Organizzazione mondiale della sanità come un inquinante globale. Per questo il …