lunedì , Agosto 15 2022

Catania. Nasce "don Bosco island”

don bosco islandIeri è nata “don Bosco island”, l’associazione temporanea di scopo tra i salesiani di don Bosco, le Figlie di Maria Ausiliatrice, le ong salesiane Vis e Vides, i Salesiani per il Sociale (Federazione SCS/CNOS), e le associazioni regionali Don Bosco 2000 e Metacometa.
All’atto della firma, presso la sede ispettoriale di via Cifali a Catania, erano presenti l’economo ispettoriale degli SDB, Enzo Ferrarella, l’ispettore dei salesiani don Pippo Ruta, la vicaria ispettoriale delle FMA Suor Gina Sanfilippo, Agostino Sella per il VIS, Sebastiana Messina per il VIDES, don Luigi Calapaj per l’SCS, Cinzia Vella l’associazione Don Bosco 2000 e Salvatore Adamo per l’associazione Metacometa.
Scopo dell’ATS è quello della gestione di alcune realtà salesiane siciliane con particolare attenzione ai temi dell’accoglienza multietnica e dell’integrazione interculturale. Da subito verrà attivato il centro don Bosco della Playa di Catania ed in seguito verranno individuate siciliane. Alla costituzione del nuovo sodalizio hanno partecipato le congregazioni dei salesiani di Don Bosco e delle Figlie di Maria Ausiliatrice che sosterranno il progetto offrendo la loro presenza a garanzia della salesianità dei percorsi intrapresi e forniranno, tramite convenzioni, alcune strutture che saranno messe a servizio dei più poveri per dare vita agli “oratori dei popoli”.
“La comune partecipazione all’ats Don Bosco Island – dice suor Gina Sanfilippo – dimostra l’unità della famiglia salesiana che mette in campo tutte le sinergie possibili per affrontare i problemi dei giovani abbandonati che provengono dai paesi in via di sviluppo e da luoghi martoriati dalla guerra. La congiunta presenza di suore, salesiani e laici, dimostra come la il mondo salesiano siciliano sia attento al complesso fenomeno della immigrazione che ormai è un fatto ordinario e non straordinario”. “Oggi – dice don Enzo Ferrarella, – con la costituzione dell’ats, si sono poste le basi per affrontare nel migliore dei modi l’accoglienza dei migranti attraverso l’approccio salesiano che è quello del metodo preventivo e del protagonismo giovanile”.
I soci dell’ats hanno scelto come capofila l’associazione Don Bosco 2000 e affidato all’associazione Metacometa il coordinamento del progetto “L’isola che c’è: l’oratorio dei popoli”. “Ci metteremo presto al lavoro per fare diventare la Playa un centro pieno di vita in cui possa trionfare la cultura dell’accoglienza e dell’integrazione – dicono Salvatore Adamo e Cinzia Vella – Cercheremo di coinvolgere tutte le forze della Famiglia Salesiana. Il centro della Playa – concludono i due – non sarà solamente un centro di accoglienza, ma, un luogo in cui sarà possibile fare esperienze di formazione, di animazione con laboratori permanenti di riflessione promuovendo i valori della mondialità e della pace”.

Check Also

Ma come fanno i bio-sensori? Ce lo dice Einstein

Capire come fa una molecola in un fluido biologico a raggiungere e interagire in pochi …