giovedì , Maggio 23 2024

Frittata di spaghetti

L’odore di frittura è per me profumo di casa, di vissuto, di convivialità!
Associare odore al termine frittura può sembrare un po’ bizzarro perché molti sono abituati a chiamarlo comunemente puzza e spesso si sentono disgustati all’idea di essere pervasi da quel persistente e a loro dire fastidioso odore che rimane attaccato addosso per giorni e che con tanta resistenza fatica ad andar via, ma per me invece è semplicemente un chiaro richiamo ai cassetti della memoria, un invito a pensare a quando ero piccola e con i miei genitori ogni domenica immancabilmente ci recavamo a pranzo dalla nonna!

Non appena veniva aperto l’uscio di casa ecco venirmi incontro con veemenza quell’ inconfondibile fragranza di genuino, di dedizione di chi ha speso ore ed ore davanti ai fornelli per realizzare un pranzo speciale orgogliosa di ciò che con tanta passione aveva cucinato e con tanto di quell’ entusiasmo di cui solo le casalinghe di una volta sapevano renderci partecipi!
Per noi siciliani tutt’ora la frittura rappresenta una vera e propria passione e diciamocelo francamente: tutto quello che passa dalla padella diventa più saporito e gustoso!
Ma è corretto dare a Cesare quel che è di Cesare! Il piatto di oggi non l’abbiamo partorito in Sicilia bensì è una creatura della tradizione napoletana, non per questo qualcosa ci vieta di poterlo scoprire e imparare a cucinarlo con la stessa maestria!
Una pietanza sfiziosa e particolarmente adatta a questo periodo in cui le gite fuori porta e i pic-nic in allegria accompagnano le soleggiate giornate primaverili.
Il menù tipico per queste scampagnate di solito si riduce e lo dico senza alcun disprezzo al caro e buon panino talmente ben condito da saziare solo dopo i primi morsi, eppure la frittata di spaghetti può diventare un’alternativa completa per la presenza di carboidrati e proteine in un unico piatto e talmente facile da realizzare che si presta a pennello per occasioni del genere soprattutto perché è perfetta da gustare fredda!

INGREDIENTI:
• 300 g di spaghetti
• 4 uova
• Sale
• parmigiano
• una noce di burro
• pepe nero macinato
• 100 g di caciocavallo o di provola affumicata
• salame
• olio d’oliva
PREPARAZIONE:
Cuocere la pasta al dente e metterla in una terrina con le uova sbattute a cui avrete aggiunto un pizzico di sale, il parmigiano, il burro, il salame tagliato a cubetti ed un po’ di pepe. Mescolate bene il composto. Aggiungete al composto circa 50 ml di latte e procedete alla cottura della frittata.
Riscaldate in una padella antiaderente un filo d’olio, versate metà composto di pasta aggiungete il caciocavallo tagliato a fettine sottili e ricoprite con la restante pasta. Fate cuocere a fuoco lento. Quando si forma una leggera crosta sul lato inferiore giratela con l’aiuto di un piatto e completate la cottura.
Servitela calda o fredda è sempre ottima.

Check Also

Sfinciuni, scacciate

Sfinciuni, cudduruni, scacciate, ‘nfriulati, imbriulati, pitoni. Pizza rustica di vario tipo realizzata con una base …