martedì , Aprile 16 2024

Trapani: la tragedia di una famiglia normale

A Trapani un’adolescente partorisce nel bagno di casa e getta il bambino nel cortile del condominio. Questo il fatto. Opinioni e giudizi dovrebbero riguardare la società tutta, che ancora non riesce a educare i giovani alla sessualità e tacere sulla famiglia e sulla ragazza. E invece succede che Repubblica, il 7 novembre 2020, racconta il fatto con queste parole: “Si è trovata tra le braccia quel bambino appena partorito in bagno. E ha preso, probabilmente già sfiancata da mesi di bugie e turbamenti, la decisione più assurda per una mamma: disfarsi del suo bambino lanciandolo dalla finestra… è figlia di un appartenente alle forze dell’ordine, la mamma è un’impiegata. “Persone tranquille, perbene”, dice una vicina in lacrime mentre lascia il palazzo facendosi largo tra una folla di curiosi. Una tragedia in una famiglia normale”.
La ragazza che è madre e non più adolescente o donna, ma madre come ogni donna ricondotta alla sua funzione e non al suo semplice stato, è figlia di una buona famiglia in quanto entrambi i genitori sono impiegati e il padre è addirittura un appartenente alle forze dell’ordine. Fossero stati una casalinga e un disoccupato o una badante straniera e precario nero sarebbe stato più semplice catalogare il fatto nell’ambito del disagio sociale e della mancata integrazione. “Non sapevo di essere incinta, ero sconvolta”. “Sono stata io a lanciarlo dalla finestra”. Ha detto la diciassettenne. “Non sapevo di essere incinta, ero sconvolta da quel parto inaspettato”.
La giovane, ora, è piantonata in ospedale e per lei e la sua famiglia comincerà un doloroso percorso giudiziario ma anche psicologico. Quanta colpa hanno i ragazzi, che di sesso sanno poco e niente? Il Censis nel 2017 realizzò un’indagine dal titolo: “Conoscenza e prevenzione del Papillomavirus e delle patologie sessualmente trasmesse tra i giovani in Italia” che ha dimostrato come i nati fra il 1980 e il 2000 avessero poca consapevolezza della sfera sessuale e delle malattie ad essa connesse. La maggior parte delle informazioni che i ragazzi hanno, ancora oggi, derivano dagli amici, seguiti dai media e dai social network, per cui si può immaginare quanta disinformazione possa passare. Cosa fare allora? “Disciplinare” costantemente i nostri giovani, indicare loro tutti i contro di rapporti non protetti, metterli al corrente dei pericoli e delle conseguenze. Parlare, far conoscere e comunicare senza remore o pudori e a farlo deve essere la scuola, con le dovute e necessarie competenze, anche a costo di sacrificare l’ora di catechesi.
Chi scrive prova una infinita pena per quella giovane e la sua famiglia. Quante domande mai poste e quanti silenzi hanno portato a questa tragedia? Quanto amore materno deve cercarsi dentro quella madre per superare il pensiero di sua figlia mentre getta dalla finestra una creatura appena sgravata? E cosa sente un padre, che scopre nella sua bambina una donna fatta, ma incapace di chiedergli aiuto per quello che le sta succedendo? Avrebbe potuto abortire o lasciare il bambino in ospedale, ma avrebbe anche dovuto saperle queste cose e se a dirle queste cose non c’è nessuno, cosa può fare una ragazza poco più che bambina?

Gabriella Grasso

Check Also

Bocciato il piano di riequilibrio per far uscire il Comune di Aidone dal dissesto finanziario

Aidone. Bocciato il piano di riequilibrio per far uscire il Comune di Aidone dal dissesto …

Lascia un commento