giovedì , Aprile 18 2024

Enna. I Sindaci riducono le tariffe idriche…”ma la strada non è questa”

Le tariffe idriche più alte della Sicilia, e tra le più alte d’Italia, vengono finalmente ridotte dall’Assemblea territoriale dei Sindaci ennesi ma il voto non è stato unanime. Ne parliamo con Massimo Greco.

 

Finalmente i Sindaci hanno “battuto un colpo”….

Meglio tardi che mai visto che alcuni di questi ne hanno fatto motivo di spot elettorale. E’ positivo che i Sindaci abbiano affrontato seriamente la questione della esosità delle tariffe idriche e questo lascia ben sperare per il futuro, anche se….

 

…anche se cosa?

 

Il costo che il territorio sosterrà per la riduzione delle tariffe è la traslazione nel tempo delle programmate opere di infrastrutturazione della rete idrica. Quindi il risultato è solo apparente. E’ come chiedere a un bambino di crescere un po’ più lentamente perché bisogna ridurre gli alimenti che assume giornalmente.

 

Forse è questa la motivazione a supporto del voto di astensione di alcuni Sindaci….

 

E’ probabile, perché è ovvio che tutti vogliamo la riduzione delle tariffe a parità di investimenti sul territorio, ma sappiamo che questo è impossibile perché la tariffa idrica copre integralmente il costo del servizio e la voce di costo riferita ai lavori di infrastrutturazione è proprio quella che fa la differenza.

 

E quindi è il cane si mangia la coda?

 

Esattamente, perché la strada non è questa. Lo abbiamo detto e lo ripetiamo, è il legislatore che deve scorporare le voci di costo sugli investimenti, più vicine a prestazioni paratributarie, da quelle legate al consumo dell’acqua, più vicine a prestazioni tariffarie.

 

Cosa cambierebbe?

 

Cambierebbe molto, perché gli utenti pagherebbero, in forza del contratto sottoscritto, solo i costi riferiti al consumo dell’acqua, mentre quelli legati all’infrastrutturazione della rete idrica graverebbero sulla collettività e quindi remunerati attraverso la fiscalità generale. Non è un caso che le “partite pregresse” di Caltanissetta e Agrigento sono state finanziate dalla Regione con una specifica legge e non spalmate pro-quota agli utenti come sbrigativamente fatto a Enna.

 

Ma questa è una cosa difficile da risolvere, perché bisognerebbe modificare l’impianto della legge Galli…

 

Sì è difficile perché bisognerebbe avere un legislatore illuminato e di questi tempi è difficile trovarlo. Una scorciatoia potrebbe essere quella di arrivare a un pronunciamento della Corte costituzionale come avvenne per i depuratori. I depuratori furono infatti scorporati dalla tariffa perché ritenute prestazioni indeterminate e come tali di natura non sinallagmatica ma paratributaria. La battaglia sulla legittimità delle “partite pregresse” si potrà vincere solo se si otterrà uno scrutinio di costituzionalità della normativa attuale.

 

Check Also

ASP Enna. La bellezza oltre la malattia, Fashion event

Venerdì 19 aprile 2024, presso la Sala Mingrino dell’ Umberto I di Enna, si terrà …