venerdì , Aprile 19 2024

Cancelleri si scaglia sul Governo regionale

Ci arriva una comunicazione. E ci vengono i brividi. Ora, aldilà delle posizioni politiche, con una pandemia che sta falcidiando le famiglie, con i negozi che stanno chiudendo, con un’economia che subirà una grave crisi, con una società in ginocchio, vi sembra normale che si attacchi, anzi ci si scagli contro, la controparte politica. Ed è ciò che succede ed è successo in Sicilia. Lo scandalo è evidente sotto gli occhi di tutti e vi sono state le corrette conseguenze. Ma il silenzioso rispetto nella fiducia della giustizia che dipanerà ogni cosa viene rotto, figuriamoci, da Giancarlo Cancelleri, peraltro autocandidatosi alle prossime elezioni regionali che, guarda caso, il prossimo anno nel 2022. Il Nostro, dichiara:
“Il numero dei contagi in Sicilia di oggi disegna una situazione grave e allarmante. Viene da pensare che senza trucchetti il gioco del duo Musumeci-Razza si è rotto, purtroppo a spese dei cittadini siciliani. Credetemi, nelle mie parole non c’è niente di giustizialista, le indagini della magistratura faranno il loro corso, ma la vicenda in sè non solo è squallida, ma risulta davvero raccapricciante e preoccupante alla luce di questi numeri”.
Ora, vorremmo capire, se vi è fiducia nella magistratura, come così è stato espresso, il motivo per cui Cancelleri interviene. Che poi, non è giustizialista, ma già parla di “trucchetti” e di “gioco” del duo Musumeci e Razza, quindi puntare il dito verso potenziali “colpevoli” definendo il tutto “squallido”, “raccapricciante” e “preoccupante”. Della Sua ultima impresa mangereccia a Caltanissetta, però, nessun cenno. Del fatto di volersi ricandidare per la terza volta, violando una “legge” (peraltro encomiabile) del M5S che vieta il terzo mandato non ci è arrivato nulla (salvo apprendere dai vari telegiornali il fuoco di sbarramento verso Grillo da parte di alcuni per abolire questa storia dei due mandati, alla faccia di chi è attaccato alla poltrona).
“Sono incredulo – afferma Cancelleri – nell’apprendere che il Presidente della Regione Siciliana sarebbe stato tratto in inganno sui falsi dati relativi ai contagi inviati dalla Sicilia a Roma; è davvero assurdo che il commissario per l’emergenza Covid in Sicilia, cioè il massimo vertice della struttura chiamata a combattere la pandemia nell’isola, non conoscesse il reale andamento dei contagi”.
“Delle due l’una – conclude Cancelleri-: o al governo della Regione e nel ruolo di commissario anticovid, abbiamo una persona che non conosce la reale portata dell’emergenza che deve contrastare, risultando quindi inadeguata, o siamo di fronte a qualcuno che si fa infinocchiare dai suoi più stetti collaboratori. Sinceramente non so quale delle due ipotesi sia la peggiore”.
Mai destino fu più beffardo: riceviamo qualche minuto prima una nota da parte del Pd provinciale su problemi inerenti la Nord Sud, cosa che il Nostro Cancelleri ha ormai praticamente “adottato” tra visite (con tanto di cannoli offerti) nel territorio, proposte alla Mike Bongiorno di tre proposte e tanto altro. Ma il Nostro sottosegretario come mai è sempre pronto a farsi la foto per l’inaugurazione del lotto i cui lavori sono finiti manco il tempo di essere questi asceso agli alti ruoli, e ben poco parla di queste problematiche? Quanto è bello vedere la pagliuzza nell’occhio dell’altro? Ma, caro sottosegretario, questo si merita la Sicilia? Si merita un fuoco politico nel momento in cui tutta la politica dovrebbe riunirsi attorno ad un tavolo a discutere di come uscire dalla pandemia? Questo intervento mi sembra tanto simile ad un episodio storico del 1940 quando l’Italia entrò in guerra contro la Francia quattro giorni prima che Parigi capitolasse per mano della Germania. L’Italia vinse quella battaglia (poi perse la guerra). Ma che vittoria fu?

Check Also

Restituzione di quattro preziose Cariatidi del Gagini, trafugate nel 1990 dalla Chiesa Madre di Santa Maria Maggiore di Pietraperzia

La Procura Distrettuale della Repubblica di Catania dispone la restituzione di quattro preziose Cariatidi del …