venerdì , Aprile 19 2024

Cgil: estrarre gas dal sottosuolo di Troina e Gagliano per contrastare l’aumento del costo dell’energia

Perché non pensare ai giacimenti di gas metano esistenti nel sottosuolo del territorio di Troina e Gagliano per ridurre il costo dell’energia? E’ la domanda che si pongono, e pongono indirettamente a chi è investito del potere di decidere in fatto di energie, Antonio Malaguernera, segretario generale della Cgil della provincia di Enna, e Alfredo Schilirò, segretario della Filctem di Enna. Non è una domanda peregrina, se si pensa che in provincia di Enna – fanno notare Malguarnera e Schilirò – “si trova la più importante centrale di spinta di gas di tutta Italia e un’importante università con facoltà vocate all’innovazione e alla ricerca”. E’, come si dice, una domanda retorica con quale i due sindacalisti della Cgil provinciale vogliono suscitare una riflessione, e che contiene anche una risposta ad una questione che, su un piano molto più ampio di quello provinciale, sulla quale è intervenuto il ministro Stefano Cingolani con un lungo e interessante articolo, che è un piccolo saggio, comparso sul supplemento di fine settimana al Foglio qualche mese fa, che ho letto ma che non riesco più a trovare tra le mie carte. Probabilmente è andato a finire nella raccolta differenziata della carta. La transizione energetica non è una passeggiata, ha dei costi che rischiano di pagare i ceti più deboli e non ci libera dal fare a meno degli idrocarburi. Trovo che ci sia una certa sintonia del ministro alla transizione energetica con i due sindacalisti quando questi ci mettono in guardia nei confronti di “chi promette che da domani si potrà contare su energia green al 100% e non vuole fare i conti con la realtà, considerato che esistono ancora limiti tecnologici ben precisi che richiederanno tempo e ricerca per essere superati”. Conti alla mano, il ragionamento di Malaguarnera e Schilirò regge perché le fonti rinnovabili non coprono tutto il fabbisogno energetico, ma solo il 38%: 16% eolico e solare e 22% idroelettrico, geotermia e altro. Se il prezzo del gas è aumentato di cinque volte in due anni da 2020, sfiorando i 55 euro per megawattora, se il prezzo dell’elettricità oggi è di circa 145 megawattora, tre e mezzo volte in più rispetto ai 42 di euro del 2020, se la domanda di gas è superiore all’offerta, se le scorte diminuiscono e le bollette di gas e luce aumentano, allora la cosa da fare è di estrarre il gas che c’è nel sottosuolo di Troina e Gagliano. Ma come fare? La risposta Di Malaguernera e Schilirò è questa: “avviare un percorso sinergico tra il mondo del lavoro, della ricerca e delle innovazioni per sviluppare politiche industriali in settori strategici”. E lanciano l’appello a istituzioni e politica affinché “creino le condizioni di un vero sviluppo, favorendo investimenti pubblici e privati per una progressiva integrazione nell’economia circolare anche in provincia di Enna”. I due sindacalisti ritengono che “ambiente e lavoro non debbano essere in contrapposizione, ma agire sinergicamente”.
Silvano Privitera

Check Also

Restituzione di quattro preziose Cariatidi del Gagini, trafugate nel 1990 dalla Chiesa Madre di Santa Maria Maggiore di Pietraperzia

La Procura Distrettuale della Repubblica di Catania dispone la restituzione di quattro preziose Cariatidi del …