martedì , Maggio 21 2024

Meditazione del Vangelo di Domenica 28 Aprile 2024

Diventare discepoli di Gesù è un’aspirazione che esige un costante impegno quotidiano quale espressione del “DNA” di ogni cristiano battezzato. Il Vangelo, di questa V domenica del periodo pasquale, termina con la seguente esortazione di Gesù: “Che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli” (Gv15,8). Ma per essere autentici discepoli cosa occorre fare? Proprio lo stesso Giovanni, autore del brano evangelico, ci viene incontro dandoci la risposta chiara nella sua prima lettera che è proclamata con la seconda lettura domenicale: “Amarsi l’un l’altro secondo il precetto che ci ha dato” (1Gv 3,23). Giovanni ci invita a compiere il primo passo del buon cristiano che è quello di Amarsi veramente di “cuore” e a questa esortazione, aggiungerei anche quella di Paolo: “Nel gareggiare nello stimarsi a vicenda” (Rm12,10).
Oggi, purtroppo, gareggiamo per chi sparla di più di tutti e di tutto! Questo ci conduce a perdere il contatto con la “Fonte di vita” e di allontanarci sempre di più perdendo, senza accorgercene, il senso del volersi bene e della bellezza dell’essere cristiano. Ciò ci porta anche nello scadere nei facili giudizi, divenendo tralci infruttuosi e meritevoli di essere bruciati.
Il Vangelo di questa domenica non è pertanto una “lezione di agronoma” (Dio l’agricoltore, Gesù la vite e noi i tralci) ma una Vera Lezione di Vita. Gesù con questa similitudine ci invita al valore bellissimo dell’Unità, appunto nel volersi Bene. Difatti se apriamo il nostro cuore, Gesù sarà in noi e noi in Lui, nel Suo Sacro Cuore. Allora tutto sarà possibile, le nostre azioni saranno fruttuose per il bene degli altri e per Glorificare il Padre Celeste che tanto ci Ama.

Rosario Colianni
del M.M. Giovani Insieme
e Apostolato della Preghiera

Check Also

Meditazione Vangelo di Domenica 5 Maggio 2024

Un giorno chiesi ai miei cenacolisti: “Chi di voi è disposto a dare la propria …