lunedì , Maggio 17 2021

Al teatro antico di Taormina: “Cavalleria rusticana” e “Pagliacci”

taormina teatro grecoUn cartellone anticrisi, per riaffermare i valori più alti dell’arte e della cultura. Dopo il grande successo del “Rigoletto” verdiano firmato dal regista e scenografo Enrico Castiglione, la Stagione Lirica 2013 prosegue al Teatro Antico con altri due popolari capolavori: “a rusticana” (8 e 12 agosto, ore 21,30) e “Pagliacci” (10 e 14 agosto, ore 21,30). Si tratta di nuovi allestimenti, illustrati oggi in conferenza stampa all’Hotel Timeo, alla presenza dei prestigiosi cast di entrambe le opere, che annoverano stelle della lirica come Daniela Dessì e Chiara Taigi, Fabio Armiliato e Piero Giuliacci. Al tavolo dei relatori, con Enrico Castiglione e il direttore d’orchestra Luiz Fernando Malheiro, importanti cariche istituzionali del territorio, come i Sindaci di Taormina e Messina, Giardina e Accorinti, con i rispettivi assessori Cilona e Cucinotta; e ancora Daniela Ursino, consulente per i progetti speciali in Sicilia della Fondazione Taormina Festival, che è tra gli enti promotori della stagione lirica.

Il Sindaco di Taormina Eligio Giardina ha ribadito la straordinaria promozione culturale e artistica che la stagione lirica di Castiglione garantisce alla città del Centauro, auspicando la continuità e l’ampliamento di una programmazione che contribuisce ad arricchire l’offerta ma anche l’immagine di un sito turistico tra i più celebrati al mondo. Salvatore Cilona, assessore al Turismo della giunta taorminese, ha sottolineato – dati alla mano – l’effetto moltiplicatore che la grande lirica allestita da Castiglione produce sui flussi turistici, contribuendo da anni in maniera determinante al sold out nelle strutture alberghiere di tutte le categorie.

Il Sindaco di Messina Renato Accorinti, coerentemente con il suo ampio progetto civile e politico, ha voluto intervenire per ribadire il rilievo del progetto “Giovani all’Opera”, presentato il giorno prima nella città dello Stretto. L’iniziativa è stata ideata da Enrico Castiglione in sinergia con la consulente Daniela Ursino. I dettagli dell’iniziativa sono stati illustrati dall’assessore alle politiche giovanili, Filippo Cucinotta e dalla stessa Ursino. Obiettivo è incentivare i giovani, dai 18 ai 26 anni, ad avvicinarsi alla grande musica, prevedendo un prezzo speciale, appena 10 euro per il biglietto di “Pagliacci” e offrendo la possibilità di recarsi gratuitamente da Messina a Taormina, e ritorno. Al di là dell’agevolazione logistica prevista per i ragazzi messinesi, la promozione del biglietto a 10 euro è valida per i giovani provenienti da tutte le destinazioni.

“Cavalleria rusticana” e “Pagliacci”

Nel mettere in scena “Cavalleria” e “Pagliacci”, Castiglione realizzerà – al pari di “Rigoletto” – veri e propri film-opera “live”, in vista della loro diffusione nelle reti televisive italiane ed estere o nei circuiti cinematografici mondiali, guardando oltre l’attimo fuggente della vita teatrale, immortalando per sempre la suggestione prodotta dalla grande musica nella cavea classica taorminese.

E nell’anno in cui si celebra il centocinquantenario della nascita di Pietro Mascagni, non poteva mancare a Taormina l’opera lirica che è simbolo nel mondo della Sicilia, grazie al dramma verghiano ridotto a libretto da Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci. “Cavalleria rusticana” vedrà alla ribalta due star della lirica come il soprano Daniela Dessì e il tenore Fabio Armiliato, celebre e affiatata coppia di artisti sulla scena e nella vita. Allungando la lista dei numerosi titoli che hanno condiviso sul palcoscenico, Dessì e Armiliato affrontano per la prima volta insieme il capolavoro del grande compositore livornese. Per la fuoriclasse Dessì, premio Abbiati 2009, si tratta anzi del debutto assoluto nel ruolo di Santuzza, con l’autorevole presenza del marito in quello di Turiddu, uno dei cavalli di battaglia del tenore lombardo, noto anche al pubblico cinematografico per l’interpretazione in “To Rome with Love” di Woody Allen. Il cast annovera ancora nomi di spicco come il baritono Jansons Valdis (Alfio) e i mezzosoprani Giuseppina Piunti (Lola) e Maria José Trullu (Mamma Lucia). “Cavalleria” sarà abbinata, come vedremo, ai “Carmina Burana” di Orff.

“Pagliacci”, parole e musica di Ruggero Leoncavallo, propone nel ruolo di Canio un’altra stella, il tenore Piero Giuliacci, in quello di Nedda una beniamina del pubblico come il soprano Chiara Taigi. Ruoli di rilievo anche per Giovanni Di Mare (Tonio), Vincenzo Taormina (Silvio), Giuseppe Distefano (Arlecchino). “Pagliacci” sarà preceduta da un omaggio lirico-sinfonico a Giuseppe Verdi, nel bicentenario della nascita. In entrambe le opere figurano il Coro Lirico Siciliano guidato da Francesco Costa e la nuova Orchestra Sinfonica del Taormina Festival, diretta dalla prestigiosa bacchetta del sudamericano Luiz Fernando Malheiro.

Gli allestimenti si annunciano particolarmente suggestivi, forti di una concezione registica e scenografica innovativa, creata da Enrico Castiglione insieme alla costumista Sonia Cammarata, con la quale forma dal 2004 una collaudata e applaudita coppia teatrale. Entrambe le opere consentono di scavare nell’ossessione, più che mai attuale, della gelosia spinta fino al parossismo. Per l’atto unico di “Cavalleria”, Castiglione ha concepito un’enorme croce schiacciata, che domina l’intera base della superficie scenica. Un simbolo, la Croce, che racchiude in sé tutto il clima tragico della Passione, sentimentale ma anche sacro-religiosa, che pervade l’incalzante vicenda di amore e morte. L’azione è infatti collocata nel giorno di Pasqua già nella celebre fonte letteraria. Per “Pagliacci”, invece, un’atmosfera circence – tanto colorata quanto malinconica – farà da cornice e contrasto alla tragedia incombente, che vedrà il clown versare il sangue della propria donna.

Con l’entusiastica accoglienza riservata a “Rigoletto” dal pubblico teatrale, cinematografico e televisivo, l’obiettivo di Enrico Castiglione di trasformare il Teatro Antico di Taormina nell’Arena del Sud ha preso ulteriormente corpo e consistenza. E ciò attraverso eventi mediatici di grande respiro, in grado di raggiungere una platea planetaria. Emblematica in questo senso la nuova produzione di “Rigoletto” che ha aperto a Taormina la stagione lirica 2013, con un evento “live” di vastissime proporzioni, con la regia televisiva dello stesso Castiglione.

Sulla scia di quanto è avvenuto per “Nabucco” nel 2011 e “Norma” nel 2012, “Rigoletto” è stato visto non solo dagli spettatori che gremivano gli spalti del Teatro Antico, ma in diretta via satellite in centinaia di sale cinematografiche in tutto il mondo, per approdare pochi giorni dopo su Rai 5 con eccellenti dati auditel, fino a punte di 400.000 spettatori. E il viaggio di “Rigoletto” continuerà nei prossimi mesi su Raiuno e sulle principali piattaforme ed emittenti mondiali.

La stessa via è stata tracciata per le produzioni di “Cavalleria” e “Pagliacci”: un cast di stelle, allestimenti spettacolari ed emozionanti, che saranno registrati e teletrasmessi in tutto il mondo. Dalla Sicilia all’Europa, dall’America all’Estremo Oriente, viaggeranno da Taormina – all’insegna dell’alta definizione – opere amatissime non solo dagli appassionati. Due appuntamenti da non perdere in uno dei siti più belli del mondo, vivificato dal soffio di partiture immortali.

L’Orchestra Sinfonica Taormina Festival

«Ho ritenuto fondamentale – spiega Enrico Castiglione – assicurare alla Stagione Lirica di Taormina una superiore qualità musicale che esprimesse il talento del territorio, puntando su una realtà come il Coro Lirico Siciliano e costituendo ex novo un’orchestra che annovera i migliori strumenti siciliani, senza trascurare l’apporto di elementi di spicco attivi nelle più rinomate formazioni italiane ed estere».

È nata così l’Orchestra Sinfonica del Taormina Festival, fiore all’occhiello della manifestazione anche per le edizioni future. L’orchestra farà il suo debutto affrontando subito capisaldi dell’opera italiana, come si conviene ad una formazione di strumentisti di chiara fama, concertisti e solisti affermati a livello nazionale e internazionale, che ogni anno si ritroveranno al Teatro Antico per il Taormina Festival, che si pone già come una delle migliori realtà dell’intera area mediterranea. A tenere a battesimo la nuova Orchestra, promossa dalla Fondazione Taormina Festival e dall’Associazione Musicale Il Melodramma, salirà sul podio Luiz Fernando Malheiro, uno dei più importanti direttori d’orchestra sudamericani della sua generazione, attuale direttore del Teatro dell’Opera di Manaus.

La selezione dell’Orchestra Sinfonica del Taormina Festival è stata operata dallo stesso Enrico Castiglione insieme ai maestri Massimo Barrale, violino di spalla dell’Orchestra della Sinfonica Siciliana di Palermo, e Fabio Raciti, violinista e direttore d’orchestra, titolare della cattedra di violino presso l’Istituto statale ad indirizzo musicale “G. Verga” di Acicastello. E’ stato messo insieme e coordinato un organico di ottantacinque professori d’orchestra quasi tutti siciliani, che da diversi anni sono membri di spicco di orchestre lirico-sinfoniche in Italia e all’estero, nonché docenti nei conservatori e nelle scuole di musica statali. Tra tutti spiccano il primo violino Vito Imperato e la prima viola Augusto Vismara.

Carmina burana e le Ouverture verdiane

“Cavalleria rusticana” e “Pagliacci”, solitamente accoppiate, verranno programmate separatamente, sia pure in date ravvicinate, per liberarne la forte drammaticità. Scelta che ha suggerito una diversa impaginazione delle serate, arricchite con pagine sinfonico-corali.

“Cavalleria” andrà in abbinamento con “Carmina Burana” di Carl Orff. L’esecuzione sarà esaltata scenicamente da spettacolari giochi di luce, “orchestrati” dalla sapiente scenografia e regia di Enrico Castiglione. Rappresentata la prima volta nel 1937 a Francoforte sul Meno, “Carmina Burana” è una cantata scenica concepita per la rappresentazione e basata su testi poetici medievali. Per la qualità musicale e la spettacolarità dell’allestimento, l’esecuzione al Teatro Antico di Taormina è un’occasione da non perdere per immergersi nella coinvolgente dinamica della composizione. Torna l’Orchestra Sinfonica del Taormina Festival diretta da Luiz Fernando Malheiro. Alla ribalta il Coro Lirico Siciliano, diretto da Francesco Costa, con i solisti Francesca Rubino (soprano), Salvo Di Salvo (baritono) e Alberto M. Munafò (controtenore), quest’ultimo presidente dell’ensemble. Viene qui in primo piano una realtà corale che – grazie alla “Norma” allestita da Castiglione a Taormina lo scorso anno – ha conosciuto la definitiva affermazione quest’estate in luglio al Teatro Antico con “Rigoletto”, conquistando al contempo le più importanti “piazze” della Sicilia.

L’esecuzione di “Pagliacci” sarà invece accoppiata alle Ouverture verdiane: dopo “Rigoletto” un altro emozionante tuffo nell’universo del Bussetano. Dal Preludio di “Traviata” alle sinfonie iniziali di “Nabucco”, “La battaglia di Legnano”, “La forza del destino”, “Luisa Miller”, senza dimenticare la solenne “Marcia trionfale” di Aida e il vibrante “Va’ pensiero”.

Check Also

Luce e nanoparticelle per una catalisi ‘verde’

Uno studio condotto da Cnr, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Bologna e …