venerdì , Ottobre 22 2021

Squiseating, il banqueting del ristorante Coria

SquiseatingCaltagirone. Squiseating nasce dall’esperienza e dal talento dei due Chef di Coria, Domenico Colonnetta e Francesco Patti, potendosi vantare di essere il primo catering creato e gestito da due chef stellati.

Tutti i servizi offerti sono ai massimi livelli di eccellenza: l’originalità e la verve creativa, affiancate ad un livello di professionalità unico nel settore ed un servizio impeccabile, fanno di Squiseating il punto di riferimento nel panorama del banqueting siciliano e non solo.

“Da tempo sentivamo l’esigenza di dare maggiore risalto ad un’attività, quella del catering, che vediamo crescere di giorno in giorno con sempre più richieste da parte dei nostri Cliente che, spinti un po’ dal passaparola e un po’ dagli ottimi risultati ottenuti dal nostro ristorante, ci chiedono di contribuire a rendere un po’ più speciali le loro ricorrenze” spiegano Francesco e Domenico Chef del Ristorante Coria e creatori di Squiseating.

Come già il Ristorante Coria, che ha ottenuto la riconferma della prestigiosissima Stella Michelin, rimanendo il primo e l’unico ristorante nella provincia di Catania ad aver ottenuto un così importante riconoscimento, Squiseating è sinonimo di qualità, eleganza e raffinatezza. Ogni evento è curato nei minimi dettagli, dallo studio del menu, di chiara ispirazione siciliana rivisitata secondo le più moderne tendenze del food design, all’allestimento della sala, scegliendo con cura tutti i particolari per una mise en place impeccabile. L’eccellente proposta culinaria saprà coinvolgere ogni palato e sarà accompagnata dalla cura straordinariamente raffinata degli allestimenti. Inoltre, sono tantissimi i servizi aggiuntivi proposti da Squiseating che renderà ogni evento unico, irripetibile e indimenticabile.

Azienda Vitivinicola Judeka

Judeka è un’azienda agricola ubicata a Caltagirone, territorio interessante per il microclima e la composizione dei terreni, tipicamente vocati alla produzione di vini importanti ed eleganti.

La cantina di oltre 2500 mq, si erge maestosa fra sedici ettari di vigneto biologico, coltivati a Nero D’Avola, Frappato e Inzolia, tutte uve destinate alla pregiata produzione di vini DOC e DOCG da cui trae origine il famoso vino Cerasuolo di Vittoria. È stata progettata secondo i criteri di architettura ecocompatibile, rispondendo agli impegno di rispetto dell’ambiente e di qualità di produzione che caratterizzano Judeka

Pannelli fotovoltaici, sistema naturale di condizionamento, impianto solare termico, sistema per la depurazione delle acque reflue e di lavorazione, sono alcuni degli accorgimenti di architettura ecocompatibile utilizzati.

La qualità della produzione è data dalla ricchezza ed integrità del frutto, ottenuto in vigna, applicando i metodi della viticoltura biologica. Tutte le fasi produttive hanno l’obiettivo di permettere agli umori di ogni vigna di esprimersi.

La produzione dell’azienda è rivolta anche alla selezione di uve provenienti da tutta la Sicilia, certa che ogni area della propria terra, può esprimere, in un susseguirsi unico di emozioni, colori, profumi e percezioni, la magia dell’isola in un calice.

I nostri vini naturali sono frutto di una enologia attenta e del buon senso senza estremismi.

Grazie alla collaborazione di Nicola Centonze, premiato nel 2009 come miglior enologo siciliano, i vini Judeka hanno trovato quel perfetto equilibrio di carattere ed emozioni che solo questo angolo di Sicilia può regalare.

Domenico ColonnettaDomenico Colonnetta – Nato a Reggio di Calabria nel 1980, proviene da una famiglia che della cucina ha fatto la sua storia: il nonno Paolo, nel dopoguerra, era tra i più rinomati Chef di Palazzolo Acreide, mentre la nonna possedeva un forno nel quale si produceva di tutto, dal dolce al salato.Domenico già da piccolo trascorreva le giornate a tavola commentando, da buon critico in erba, la cucina della mamma che, nonostante tutto, rimane la sua preferita. La sua carriera di cuoco è iniziata ai tempi delle scuole superiori che ha frequentato presso l’Istituto Alberghiero di Modica. Da subito ha avuto la possibilità di maturare importanti collaborazioni con grandi Chef italiani ed internazionali.

Tra le sue esperienze più importanti c’è Villa Davide a Vittoria, famosa in quegli anni per essere una delle mete più ambite degli sposi siciliani, dove a soli 14 anni ha iniziato a lavorare come Aiuto Cuoco; l’Hotel Tarquinia di Roma, per il quale è stato Capo Partita, poi Zurigo e, infine, Milano, al Santini Country sempre con la mansione di Capo Partita. Nel 2003 approda al Duomo di Ciccio Sultano come secondo Chef, esperienza che gli ha permesso di affinare ancora di più la sua arte e che lo ha portato a prendere una decisione importante per la vita: aprire un ristorante tutto suo.

Francesco PattiFrancesco Patti – Nato a Caltagirone nel 1983, è il più giovane Chef siciliano ad aver conquistato la Stella Michelin, nonché uno dei più giovani in tutta Italia.Francesco ha iniziato a muovere i primi passi in cucina ancora prima di imparare a camminare. Già da piccolo, infatti, si divertiva a giocare con gli attrezzi da cucina e a pasticciare con gli ingredienti per la gioia del padre Giacomo, da sempre appassionato di cucina. Durante gli studi, conseguiti presso l’Istituto Alberghiero di Giarre, Francesco, a soli 15 anni aveva già iniziato la sua carriera da Chef lavorando come stagista in diversi Hotel e Ristoranti – tra cui il Grand Hotel Excelsior di Catania – che gli hanno permesso di crescere e affinare la sua arte culinaria. Dal 2002 ha lavorato presso l’Hotel Monaco & Grand Canal a Venezia, poi alla Masseria degli Ulivi a Noto e al Ristorante “La Gazza Ladra” di Modica (Rg), con la mansione di Cuoco Capo Partita. Nel 2005 inizia la collaborazione con Ciccio Sultano, al Ristorante “ Duomo“ di Ragusa dove ha lavorato come secondo Chef e dove ha conosciuto Domenico con il quale, nel 2008, darà vita al Ristorante Coria.

Check Also

Sull’Etna dieci caprette sentinella con microchip e sensori: «Ci aiuteranno a prevedere le eruzioni»

Il progetto coordinato dal «Max Planck Institute» sul vulcano si basa sul «sesto senso» degli …