sabato , Ottobre 1 2022

Vergogna

vergognaE’ giunto il momento di fermarsi un poco, è giunto il momento di fare una pausa di riflessione per meglio capire la disperazione di quei nostri concittadini, siano essi lavoratori, piccoli imprenditori, disoccupati o pensionati che si ammazzano perchè inascoltati da chi di dovere: noi tutti, cioè. Lo Stato, indifferente alle problematiche della gente e molto spesso causa principale del degrado si limita a registrarne le morti, avvenute per cause sociali. Il nostro è il Paese dei paradossi in cui una signora di 74 anni sorpresa in un supermercato a rubare scatolette per mangiare ha un malore, tanta è la vergogna, ma è pure il Paese di chi della vergogna ha fatto vanto. Concedetemi di ritenere tutto questo ridicolo, assurdo, surreale. In un’Italia dove il malaffare è il costume, dove gli usurai la fanno franca, i politici rubano e non ne pagano mai le conseguenze, un’anziana signora invece si prende la sua bella denuncia per furto e un padre di famiglia si da fuoco perché non gli riconoscono il diritto alla casa. Lo Stato, per aver ridotto così i suoi cittadini, per averli dimenticati e oscurati dovrebbe chiedere scusa perché questo è un crimine. Un crimine contro il Popolo. Abbandonare la propria gente è un crimine. Permettere e costringere i cittadini al suicidio è un crimine. Difendere le lobby, i padroni, i banchieri e i grossi industriali permettendo loro di giocare con le vite delle persone è un crimine e finché nessuno lo capirà, avremo ben poche speranze di salvezza.

 

Gabriella Grasso

Check Also

Femminicidio di Stato

Femminicidio di Stato di Massimo Greco In una una visione contrattualistica, lo Stato si sta …