giovedì , Aprile 22 2021

Arrivano le “water bench”, poltrone d’acqua che raccolgono l’acqua piovana

Ideate dagli architetti MARS per il BMW Guggenheim Lab, i “Water Bench” sono stati studiati allo scopo di rendere i parchi della citta’ e gli spazi pubblici indipendenti dai rifornimenti di acqua distrettuali Ogni poltrona puo’ raccogliere tra i 500 ei 1.800 litri d’acqua

Water BenchDesign e funzionalita’ s’incontrano. Arriva “Water Bench”, la poltrona d’acqua creata dagli architetti MARS per il BMW Guggenheim Lab, rappresenta il massimo del design utilitaristico.

E’ quanto riporta In a Bottle (www.inabottle.it) in un focus sulle nuove tendenze del design sostenibile

All’esterno, sembra un normale pouf in pelle trapuntata, ma i posti a sedere, realizzati in plastica parzialmente riciclata, dotata di fessure lungo le cuciture tradizionali, che permettono di raccogliere l’acqua piovana (pur mantenendo asciutto il piano di seduta) immagazzinandola in serbatoi all’interno della poltrona vuota. La forma e’ pensata per permettere posti a sedere per un considerevole numero di persone (i prototipi sono stati srotolati in spazi pubblici in una delle citta’ piu’ popolate in India – Mumbai). I “Water Bench” sono stati studiati allo scopo di rendere i parchi della citta’ e gli spazi pubblici indipendenti dai rifornimenti di acqua distrettuali e incoraggiare l’interazione sociale.

L’attuazione di questo sistema permettera’ potenzialmente di ridurre la domanda, aumentare l’offerta e creare un meccanismo capace di ridurre al minimo l’impatto delle alluvioni e della siccita’, creando una rete di gestione delle risorse idriche piu’ resistente e flessibile. Ogni poltrona puo’ raccogliere tra i 500 ei 1.800 litri d’acqua e puo’ anche essere utilizzata in un certo numero di scenari urbani, compresi i giardini privati e le serre.

Check Also

Luce e nanoparticelle per una catalisi ‘verde’

Uno studio condotto da Cnr, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Bologna e …