sabato , Maggio 8 2021

Il dovere di un giornalista è informare

Vivo la professione di giornalista come una mission. Il nostro Dovere è informare, verificando le fonti e stando attenti a non violare la privacy. Al tempo del coronavirus quando la gente deve essere informata, quando tutti i giornalisti italiani, quelli del nord, stanno dietro la notizia con dovizie di particolari, noi siamo in difficoltà. L’Asp, su indicazione dell’assessorato non fornisce più dati. O meglio, funziona così. Attendono la validazione dei tamponi dalle strutture autorizzate, dunque Catania o Palermo e solo dopo almeno un paio di giorni, se non di più questi vengono inseriti nella casistica regionale. La Prefettura non è deputata a fornire dati su contagiati, meno che mai la Polizia, e il Coc da solo dati su Enna. Così si scatenano i sindaci che scrivono su i social dei contagi e dei contagiati. E poi ci sono anche i privati cittadini, oggi un positivo al Covid di Nicosia, scrive cosi su facebook: “ È arrivato l’esito del tampone, è positivo! Io sto bene e sono in fase di guarigione, invito tutti coloro che sono stati in contatto con me, di isolarsi e chiamare il proprio medico”. Un contagiato di Nicosia affida a facebook il suo appello. Da giorni si attendono gli esiti ufficiali di almeno tre tamponi effettuati a tre cittadini di Nicosia così questo giovane ha deciso di comunicare a tutti la sua positività mettendo i guardia quanti lo hanno frequentato. Mentre i dati ufficiali rimangono spessi fermi, i sindaci affidano ai social le loro comunicazioni. E’ tutto un rincorrersi di numeri non confermati che impongono la nostra cautela ma anche una riflessione: sindaci e cittadini andrebbero informati. Mentre oggi Enna città registra la sua prima vittima.

Check Also

Aree interne. Il Recovery Plan c’è ma l’associazionismo comunale non decolla

Aree interne. Il Recovery Plan c’è ma l’associazionismo comunale non decolla di Massimo Greco Con …