martedì , Aprile 16 2024

E fu subito lockdown

Non ci sarà un altro lockdown, disse Conte poi aggiunse, forse qualcuno, ma limitato alle zone rosse e ora che rossa è l’Italia intera, il lockdown sembra necessario. Richiudere tutto per non intasare gli ospedali, di nuovo impreparati, soprattutto quelli del Sud. E poi? Dopo un lungo e severo lockdown i risultati quali saranno? In attesa di un vaccino che, arriverà forse in primavera e certo non basterà per tutti, come non è bastato quello influenzale già rodato, cosa faremo? Alterneremo lockdown a aperture? O in procinto dell’estate il Governo riproporrà bonus vacanze per poi rimproverare gli italiani d’essere andati in vacanza? La scuola, in attesa di banchetti a rotelle, rivive i disagi della DaD, i trasporti sono inadeguati e insufficienti, ma si chiudono le palestre e le piscine adeguate alle norme anti Covid. I tracciamenti non hanno mai funzionato per complicazioni tecniche e con i numeri attuali non potrebbero comunque funzionare e i bambini a scuola non vogliono andare perché hanno paura. Molti piccoli studenti denunciano l’ angoscia con sintomi psicosomatici come vomito e improvvisi attacchi di pianto. I dispositivi di protezione individuale scarseggiano per medici di famiglia e pediatri e le diagnosi vengono fatte a distanza, da remoto. Questo è il Paese all’inizio della seconda, annunciata, ondata. I bollettini quotidiani aggiornano i numeri che crescono esponenzialmente, ma certo il problema sono le vignette negazioniste, la movida e anche il Papa pro gay che rischia il castigo del dio reazionario, adorato da anticristiani ipocriti e narcisisti.

Gabriella Grasso

Check Also

Bocciato il piano di riequilibrio per far uscire il Comune di Aidone dal dissesto finanziario

Aidone. Bocciato il piano di riequilibrio per far uscire il Comune di Aidone dal dissesto …

Lascia un commento