martedì , Aprile 16 2024

L’Italia merita una sinistra diversa

La notizia ha rappresentato un vero e proprio terremoto nel Centro Sinistra, ovvero le dimissioni del Segretario del Pd Zingaretti. La Sinistra non è nuova a queste lotte intestine, polemiche e quant’altro. Ma forse l’Italia, uno tra i più importanti Stati dell’Unione Europea, meriterebbe forse una Sinistra diversa. Vediamo, infatti, come sempre più la classe operaia si stia sempre più spostando in altri lidi quale l’antipolitica o il populismo. Questo è causa del fatto che manca nell’agone politico un riferimento chiaro alla difesa delle classi più deboli con una vocazione al riformismo. La Sinistra italiana non è più un qualcosa di alternativo alla destra, una visione diversa alla destra, ma semplicemente un qualcosa contro la destra. È successo negli anni che i valori di sinistra si esplicavano solamente nell’antiberlusconismo, oggi è tutta votata all’antisalvinismo. La politica fatta “contro” non è una politica che può reggere il confronto in quanto l’essere contro a qualcosa presuppone un ritardo nella programmazione, idee piegate tutte in una determinata strada (il “contrismo”) perdendo il polso della situazione su altre idee e altri temi che meritano di essere messi in evidenza. La Sinistra rappresenta, o meglio dovrebbe rappresentare, un aiuto a chi si trova in difficoltà, uno scudo ai problemi della società, una palestra di politica. Ormai, anche con questo sempre più abbraccio con il Movimento 5 stelle, la Sinistra sta abbandonando se stessa. Un tempo ci si rivolgeva alla sezione di partito per avere una mano e il politico di turno, esperiente e che aveva fatto la propria gavetta, dava una mano a chi chiedeva aiuto. Oggi si cerca di diventare, attraverso qualche click, quel politico. Niente più gavetta, niente più esperienza. Ed ecco come la parte politica che per antonomasia dovrebbe stare dalla parte del più debole si stacca dalla società perché formata da una classe dirigente che si concentra molto più sui massimi sistemi e ha perso il controllo della realtà che lo circonda. La Lega, radicata nel territorio e con politici che hanno avuto alle spalle una gavetta, sta sempre più prendendo la fisionomia di una “sinistra” (virgolettato d’obbligo). E il venir meno di una Sinistra vera è forse il più grande male che si possa fare all’Italia. Anche e soprattutto per chi è di destra in quanto si accascerebbe sugli allori e rimarrebbe a fare il solo “compitino” senza esprimere più nuove idee, ideali e azioni. È questo che ci meritiamo?

Alain Calò

Check Also

Bocciato il piano di riequilibrio per far uscire il Comune di Aidone dal dissesto finanziario

Aidone. Bocciato il piano di riequilibrio per far uscire il Comune di Aidone dal dissesto …