sabato , Giugno 22 2024

Enna. Tele-Riabilitazione per l’assistenza ai pazienti anziani a rischio di cadute

Avviata la Tele-Riabilitazione: un innovativo approccio assistenziale, integrato alla telemedicina, per la cura dei pazienti anziani a rischio di cadute.

Grazie alla collaborazione tra l’Unità Operativa di Recupero e Riabilitazione Funzionale dell’Ospedale Umberto I di Enna, guidata dal Prof. Francesco Pegreffi, professore dell’Università Kore, e l’Unità Operativa di Telemedicina, diretta dal Dott. Massimo Campisi, è stato creato un percorso assistenziale mirato a ridurre il rischio di cadute nei pazienti fragili, spesso affetti da pluripatologie e già seguiti nell’assistenza domiciliare della Telemedicina.
Come si legge in letteratura medica, le cadute dei pazienti anziani in ambiente ospedaliero rappresentano incidenti indesiderati con esiti (fratture e conseguenze psicologiche) che causano una diminuzione fino al 30% della qualità della vita.
“Il percorso inizia con l’esecuzione a domicilio di test per valutare il rischio di cadute confermati attraverso la piattaforma di telemedicina. In caso di esito positivo, il paziente viene contattato e immediatamente preso in carico dall’equipe della Medicina Fisica e Riabilitativa”, spiega Massimo Campisi.
“Attraverso una visita ambulatoriale”, aggiungono la Dott.ssa Tiziana di Leo e la Dott.ssa Rita Chiaramonte, fisiatre, “viene definito il piano riabilitativo personalizzato che il paziente può eseguire a casa, con il supporto di un fisioterapista tramite una piattaforma informatica dedicata e già operativa.”
Il progetto è già in fase di implementazione e i primi pazienti sono stati accolti nel reparto dai fisioterapisti dedicati (Dott.ssa Maria V. Menzo e Dott. Domenico Contino).
“Questa innovativa forma di assistenza fisiatrica, resa possibile grazie alla telemedicina, può prevenire il passaggio di un anziano fragile a una condizione di disabilità”, afferma il dott. Campisi.
“La giornata odierna costituisce un traguardo importantissimo: all’interno della nostro reparto sono stati richiamati i primi due pazienti, identificati tramite il programma di monitoraggio su piattaforma digitale e inseriti in un progetto riabilitativo ambulatoriale su misura”, spiega il Prof. Pegreffi e prosegue: “È importante sottolineare che il programma riabilitativo è personalizzato in base ai parametri dei pazienti registrati sulla piattaforma di telemedicina e implementato attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie di video-capture con intelligenza artificiale. Un importante risultato frutto del grande lavoro di squadra e del dialogo assiduo tra personale ospedaliero e universitario”.
“La telefisiatria – evidenzia il dott. Campisi – può ridurre significativamente le liste d’attesa per le prestazioni specialistiche e i ricoveri, migliorando l’accesso alla cura per tutti i pazienti interessati, colpiti da iniziale deficit motorio”.

Check Also

L’avv. MIlilli ha spento 100 candeline, prezioso testimone di un secolo di storia della comunità di Aidone

La comunità di Aidone, giovedì 13 giugno, ha festeggiato i 100 anni di uno dei …