martedì , Ottobre 19 2021

30 ottobre: San Marciano di Siracusa

Il denaro è un buon servo e un cattivo padrone
San Marciano di Siracusa. La data della sua celebrazione è variamente fissata, secondo le varie fonti che parlano di lui: in Occidente fu inserito per la prima volta nel Martirologio Romano al 14 giugno, dal celebre Cesare Baronio, nel XVII secolo; in Oriente, invece, la sua memoria era già conosciuta e veniva ricordato in alcuni libri il 30 ottobre e in altri il 31. Il Calendario marmoreo di Napoli lo riporta al 30 e in questa ultima data è inserito nell’ultimissima edizione del Martyrologium Romanum. Le più antiche fonti che parlano di S. Marciano risalgono, comunque, al VII secolo e, quindi, risentono della mancanza di certezze storiche; si rifanno, infatti, a tradizioni locali. Secondo esse Marciano fu discepolo di S. Pietro ad Antiochia (I sec.) e fu da lui inviato nel 39 in Sicilia a predicare il Vangelo. Qui si fermò a Siracusa [secondo gli Atti degli Apostoli (At 28,12) in questo luogo passò anche S. Paolo, nel 61 d.C., ove sostò per tre giorni] dove operò molte conversioni, accompagnate da miracoli, finché non venne ucciso « da coloro che in quel tempo avevano indegnamente lo scettro del comando». Egli, infatti, riuscì a radunare nelle grotte Pelopie di Acradina i primi cristiani siracusani e l’improvvisa diffusione della religione cristiana allarmò il senato ed i giudei i quali, preoccupati della conversione di molti ebrei alla “nuova religione”, fecero uccidere il vescovo nel 68 facendolo legare ad una colonna e lapidandolo. È ritenuto il primo vescovo di Siracusa; le successive narrazioni non aggiungono niente di nuovo a quanto detto, anzi si contraddicono perché pongono la sua morte nel III secolo, se non più tardi, presentandolo arbitrariamente anche come un ottimo religioso e superiore di un monastero. Anche qualche opera archeologica, come la cosiddetta Cripta di S. Marciano, presso il cimitero di S. Giovanni, non aiuta ad inquadrare meglio il periodo della sua esistenza e morte; infatti, a partire dal secolo XVII, si credeva che la Cripta di S. Marciano fosse stata costruita sul sepolcro del santo e nel contempo sul luogo della sua abitazione e predicazione, datandola quindi al I secolo, invece non è altro che un ipogeo funerario del IV secolo, trasformato in santuario cristiano nel periodo normanno. La più antica raffigurazione di S. Marciano è del secolo VIII-IX quindi del periodo bizantino e si trova nelle catacombe di S. Lucia. È da aggiungere, che chi sa per quale via sono giunte a Gaeta, forse per mare, alcune reliquie di S. Marciano di Siracusa, che sono nella cripta o Soccorpo della cattedrale, insieme a quelle di altri sei santi. S. Marciano è venerato come compatrono di Gaeta insieme a S. Erasmo e celebrati in questa città e diocesi il 2 giugno.
Il Rosario è quella dolce catena che ci lega a Dio tramite Maria (Johannes Paulus II )
Oggi si celebrano anche:
B. ANGELO d’Acri, Sacerdote O.F.M. Cap.
S. Eutropia, Martire ad Alessandria d’Egitto († cc sec. III)
S. Marcello, Martire in Mauritania († 298)
SS. Claudio, Lupercio e Vittorio, Martiri in Spagna († cc 303/304)
S. Massimo di Cuma, Martire († cc 303)
S. Germano di Capua, Vescovo († cc 540)
S. Gerardo di Potenza, Vescovo († 1122)
B. Benvenuta Boiani di Cividale Friuli (1255-1292), Vergine
B. Giovanni Slade, Martire in Inghilterra († 1583)
B. Terenzio Alberto O’Brien (1601-1647), Vescovo domenicano e martire in Irlanda
B. Giovanni Michele Langevin, Presbitero e martire in Francia († 1793)
B. Alessio (Oleksa) Zaryckyj (1912-1963), Sacerdote e martire
B. Maria Restituta (Elena) Kafka (1894-1943), Vergine e martire in Austria
S. Saturnino di Cagliari, Vescovo († sec. III)
************************************************
Jesus Christus, heri et hodie, ipse est in saecula!
^^^
1983, Kary Mullis inventa la Pcr – Il ricercatore americano (1944-) inventa la Pcr (reazione a catena della polimerasi), tecnica che consente, in modo rapido e addirittura più efficente che in natura, di moltiplicare qualsiasi frammento di materiale genetico (in 30minuti fornisce un miliardo di copie di qualsiasi sequenza di Dna)
compleanno
1906 Nino Farina
1945 Linus
1960 Diego Armando Maradona
proverbio
Chi della roba non fa stima e cura, più della roba la sua vita dura
accadde oggi
1938 Orson Welles presenta alla radio “La guerra dei mondi”, un programma musicale interrotto da notizie sullo sbarco di marziani sulla Terra. Nonostante i preavvisi, molti americani cadono nel panico credendo si tratti di una reale invasione
frase celebre
“Il genere umano (…) non odia mai tanto chi fa del male, né il male stesso, quanto chi lo nomina”
Leopardi, Pensieri

consiglio
Il ferro da stiro a vapore
Se avete il ferro da stiro a vapore, guardatevi bene dal caricarne il serbatoio fin tanto che la presa è attaccata: rischiate una brutta scossa. Per caricarlo usate l’acqua distillata o bollita.
cosa vuol dire
Fare la testa
Uccidere
La locuzione è presa in senso ironico dall’uso di uccidere conigli, polli ed altri animali per i giorni di festa

 

Check Also

28 ottobre: SS. Simone e Giuda

Chi va al mulino s’infarina Simone: per distinguerlo da Simon Pietro, fu soprannominato il “Cananeo” …