venerdì , Febbraio 26 2021

29 marzo: Santi Simplicio e Costantino

Dopo il santo fondatore di Montecassino, il patriarca s. Benedetto, i primi suoi quattro successori abati benedettini del famoso monastero, sono tutti santi e sono nell’ordine: Costantino, Simplicio, Vitale e Bonito. Di Simplicio possiamo dire poco come del resto degli altri, non ci è pervenuto quasi nessun documento che ne racconti la vita. Egli viene comunque menzionato insieme a Costantino nei secoli successivi, sia per il culto tributato ad ambedue il 29 marzo dai benedettini di Montecassino, sia perché le loro reliquie sono depositate insieme. Infatti esse furono rinvenute nell’area del presbiterio della basilica cassinese verso il 1625-28 e trasportate nella vecchia cappella di s. Bertario e poi nel 1710 sempre insieme a quelle di s. Costantino furono traslate nella cappella di s. Gregorio Magno. Durante il disastroso bombardamento del 1944 esse ne uscirono indenni e di nuovo sistemate nella ricostruita cappella sotto l’altare, che come tutta la chiesa fu consacrato nella solenne dedicazione fatta da Paolo VI il 24 ottobre 1964. Simplicio viene ricordato nella ‘Vita Mauri’ del sec. IX come uno dei monaci che Benedetto dà come compagni a s. Mauro nel suo viaggio in Francia; inoltre lo storico Pietro Diacono afferma che diede a leggere a tutti i monaci la Regola del grande fondatore s. Benedetto, scrivendo su ciò alcuni versi pervenuti fino a noi con interpretazioni diverse. Egli è stato raffigurato in un quadro di De Mura posto nella cappella sopra citata, proprio nell’atto di presentare la Regola agli Ordini monastici e cavallereschi. S. Simplicio e s. Costantino abati furono venerati subito dopo la loro morte per essere stati discepoli e primi successori del santo patriarca e la loro prima sepoltura fu proprio accanto alla sua. Mancando o perlomeno non si conoscono Uffizi o Messe proprie, il loro ricordo è fissato al 29 marzo in relazione all’invenzione delle reliquie.

Oggi si celebrano anche:
S. GUGLIELMO TEMPIER, Vescovo di Poitiers (F)
S. Eustachio di Napoli, Vescovo († sec. III)
S. Marco di Aretusa (SYR), Vescovo († 364)
SS. Armogasto, Archinimo e Saturnino, Martiri in Africa († cc 462)
B. Bertoldo, Priore generale dei Carmelitani († cc 1188)
S. Ludolfo di Ratzeburg (D),Vescovo e martire († 1250)
B. Giovanni Hambley (1560-1587), Sacerdote e martire in Inghilterra

************************************************
Jesus Christus, heri et hodie, ipse est in saecula!
 
^^^
1897, Wilhelm Maybach inventa il radiatore a nido d’ape. L’ingegnere tedesco (v.1893) inventa anche il primo radiatore efficiente, concezione che rimarrà inalterata per decenni, per appicarlo sulla ormai famosa Mercedes del 1901 (v. Daimler)

compleanni
1941 Terence Hill
1943 V. Papathanasiou
1964 Elle Macpherson
1972 Manuel Rui Costa

proverbio
Un artista campa in ogni dove

accadde oggi
1798 viene costituita la Repubblica Svizzera
1974 a Catanzaro il processo Valpreda viene rinviato al 4 aprile
1975 il governo francese ha deciso il blocco delle importazioni di vino italiano
1979 re Juan Carlos di Spagna nomina primo ministro Aldolfo Suarez

frase celebre
“Una bella poesia è un contributo alla realtà. Il mondo non è più lo stesso dopo che gli si è aggiunta una bella poesia”
Dylan Thomas

consiglio
Come consumare le ostriche
C’è chi le cuoce, in varie maniere, ma gli intenditori sostengono che vanno servite appena scaldate.

cosa vuol dire
Rompere le uova nel paniere
Mandare all’aria ciò che uno ha costruito pazientemente
Questo modo di dire è preso dal mondo animale. Le galline depongono le uova in un paniere pieno di paglia dove le covano per una ventina di giorni; se qualcuno le rompe prima, tutta la fatica va però sprecata

consiglio per terrazzo orto e giardino
Consiglio
Le piantine a radice nuda, estratte dal semenzaio o aquistate a mazzetti, richiedono particolari attenzioni nel trapianto. Con l’apposito “foraterra” si apre nel terreno uno spazio di dimensioni adeguate, si versa dell’acqua si attende che venga assorbita e infine si introducono le radici ben distese, che si ricoprono accuratamente con terriccio soffice, facendo attenzione a non lesionare e a riempire tutti i vuoti; al termine, si comprime delicatamente, assicurandosi che il fusticino sia in posizione verticale.

Check Also

28 marzo: San Giuseppe Sebastiano Pelczar

Giuseppe Sebastiano (Jósef Sebastian) Pelczar nacque il 17 gennaio 1842 a Korczyna, un piccolo paese …