giovedì , Agosto 11 2022

21 ottobre: San Gaspare del Bufalo

In tutto il mondo sorge il sole

San Gaspare del Bufalo, nacque a Roma il 6 gennaio 1786 da Antonio, che era cuoco dei Principi Altieri, e da Annunziata Quartieroni. Fin dai primi anni si fece notare per una vita dedita alla preghiera ed alla penitenza e per segni, non dubbi, della chiamata alla vita religiosa. Completati gli studi presso il Collegio Romano che in quei tempi, data la soppressione della Compagnia di Gesù, era diretto dal clero secolare, nel 1798 indossò l’abito talare e si diede ad organizzare opere di assistenza spirituale e materiale a favore dei bisognosi. Si deve a lui la rinascita dell’Opera di S. Galla, della quale fu eletto direttore nel 1806. Ordinato sacerdote il 31 luglio 1808, intensificò l’apostolato fra le classi popolari fondando il primo oratorio in S. Maria in Pincis e specializzandosi nell’evangelizzazione dei “barozzari”, carrettieri e contadini della campagna romana, che avevano i loro depositi di fieno nel Foro Romano, chiamato allora Campo Vaccino. Fra il 1809 ed 1810, dopo che Napoleone Bonaparte aveva occupato Roma, Gaspare, fedele a Pp Pio VII (Barnaba Chiaramonti, 1800-1823) e alla Chiesa romana, rifiutò di prestare giuramento di fedeltà all’Imperatore (“Non debbo, non posso, non voglio” disse laconicamente). Seguì, quindi, la sorte del suo pontefice e fu costretto all’esilio dapprima a Piacenza e poi, imprigionato a Bologna, Imola e Lugo. Tornato a Roma nei primi mesi del 1814, dopo la caduta di Napoleone, mise le sue forze e la sua vita al servizio del papa. Pio VII gli diede l’ordine di dedicarsi alle missioni popolari per la restaurazione religiosa e morale dell’Italia e Gaspare abbandonò la città, la famiglia ed ogni altro suo progetto per dedicarsi totalmente al ministero assegnatogli, al quale attese per tutto il resto della sua vita, con zelo instancabile. Quale mezzo efficacissimo per promuovere la conversione dei peccatori, per debellare lo spirito di empietà e di irreligione, scelse la devozione al Sangue Preziosissimo di Gesú e ne divenne ardentissimo apostolo. Per meglio raggiungere il suo nobile intento, il 15 agosto 1815 fondò la “Congregazione dei Missionari del Preziosissimo Sangue”, a cui si iscrissero uomini di grande santità, come il servo di Dio Giovanni Merlini, Giovanni Mastai Ferretti (il futuro Pio IX), Biagio Valentini, Vincenzo Tani ed altri ancora, morti in concetto di santità. Nel 1834, inoltre, diede inizio all’Istituto delle “Suore Adoratrici del Preziosissimo Sangue”, coadiuvato suor Maria De Mattias (canonizzata il 18 maggio 2003), che egli stesso aveva chiamato a tale missione. Le due famiglie religiose trovarono il terreno fecondatore nella “Pia Unione del Preziosissimo Sangue”, oggi “Unio Sanguis Christi”, che, insieme con Francesco Albertini, Gaspare aveva istituito fin dal 1808, a vantaggio di tutti i fedeli, e che si era propagata in Italia e all’estero. L’apostolato di Gaspare, segnato da fatiche e sofferenze non comuni, benedetto da Dio con frequenti manifestazioni soprannaturali, fu di enorme efficacia. Al suo passaggio fiorivano la fede e la pietà cristiana, cessavano gli odi e il malcostume, si verificavano strepitose conversioni. Sostenne con straordinario coraggio la lotta accanita che gli mossero le società segrete, in particolare la massoneria. Ma nonostante le loro minacce e gli attentati alla sua stessa vita, non cessò mai di predicare apertamente contro tali sette, fucine di rabbioso laicismo ateo; convertì intere logge massoniche e non si stancò di mettere in guardia il popolo contro la loro propaganda satanica. Per questo era chiamato col titolo glorioso di “martello dei settari”. Chiamato dai fedeli Angelo della pace, Terremoto spirituale, Vittima della carità, Gaspare ispirò la sua azione a quella di S. Francesco Saverio. È ricordato anche come il predicatore dei briganti, ovvero dei malavitosi che andò ad evangelizzare e a convertire nei rifugi sui monti posti fra il Lazio e la Campania. Morí a Roma il 28 dicembre 1837, in una stanza del palazzo Orsini sopra il Teatro Marcello. S. Vincenzo Pallotti vide la sua anima salire al cielo in forma di stella luminosa e Gesù venirle incontro. Fu beatificato da S. Pio X (Giuseppe Sarto, 1903-1914) il 18 dicembre 1904 e canonizzato dal Venerabile Pio XII (Eugenio Pacelli, 1939-1958) il 12 giugno 1954. Il Beato Papa Giovanni XXIII (Angelo Giuseppe Roncalli, 1958-1963), nel discorso tenuto in S. Pietro il 31 gennaio 1960 per la chiusura del sinodo romano, definì S. Gaspare: “Gloria tutta splendente del clero romano, che fu il vero e più grande apostolo della devozione al Preziosissimo Sangue di Gesù nel mondo”. A lui è intitolata una parrocchia romana nel quartiere Tuscolano e numerose scuole e ospedali sparsi nel mondo grazie alla grande affabilità dei Missionari da lui fondati.
Significato del nome Gaspare: “amabile maestro” (persiano).

Oggi si celebrano anche:
B. LAURA di Santa Caterina da Siena, suora, fondatrice
SS. Dasio, Zotico e Caio, Martiri a Nicomedia († 303)
S. Orsola e compagne, Vergini di Colonia e Martiri († cc sec. IV)
S. Severino di Bordeaux, Vescovo († sec. V)
S. Celina di Laon (F), Madre di S. Remigio di Reims († sec. V)
S. Pietro Yu Tae-ch’ol (1826-1839), Martire (tredicenne) a Seul
B. Carlo d’Austria (1887-1922), imperatore e re

************************************************
Jesus Christus, heri et hodie, ipse est in saecula!

^^^
1972, Nolan Bushnell realizza il primo videogioco
Nel bar “Andy Capp” di Sunnyvale in California nasce l’era dei videogiochi. Qui debutta infatti il Pong, il primo videogioco, inventato dall’ingegnere elettronico americano(1943)

compleanni
1833 Alfred Nobel
1898 Amedeo d’Aosta
1947 Riccardo Fogli

proverbio
Il pesce comincia a puzzare dalla testa

accadde oggi
1520 Ferdinando Magellano scopre uno stretto che battezzerà: “Di Tutti i Santi” durante la circumnavigazione della Terra

frase celebre
“La scienza ha promesso la felicità? Non credo. Ha promesso la verità, e la questione è sapere se con la verità si farà mai la felicità”
Zola, Discorso agli studenti parigini, 18 maggio 1893

consiglio
La frutta da albero
Attenzione alla buccia, perché pur essendo ricca di nutrienti è spruzzata di pesticidi. Lavatela con estrema cura

cosa vuol dire
Est modus in rebus
In tutte le cose c’è una misura
Questo modo di dire nasce da una frase di Orazio, in cui il poeta avverte che ci sono determinati confini che non possono essere oltrepassati e che quindi occorre non eccedere mai

consiglio per terrazzo orto e giardino
Le piante vivaci
Le piante vivaci hanno apparato sotterraneo “perennante”, costituto da radici, bulbi, tuberi e rizomi, e che rigenera, anno dopo anno, la parte aerea.

 

 

 

 

 

Check Also

29 ottobre: San Gaetano Errico e Beati Rua e Badano

A duro destino – duro cuore Gaetano Errico, nasce il 19 ottobre 1791 a Secondigliano, …